Andare short e long nel Forex: definizione e significato

Cosa significa andare long o short nel mercato del Forex? Ecco la definizione di posizione lunga e di posizione corta e capiamo cosa vuol dire andare short o long sul Forex.

Andare short e long nel Forex: definizione e significato

Cosa significa andare short o long? Cosa sono le posizioni lunghe o corte? Queste sono le domande che i trader meno esperti si pongono, soprattutto nel primo approccio a questo mercato.
Sapere cos’è una posizione corta e una lunga è però indispensabile, dal momento che non si può non conoscere questa terminologia.

Se si vuole fare trading sul Forex è necessario sapere cosa significa andare short o andare long. Questi sono infatti due termini di base che descrivono l’andamento del mercato e che permettono di capire la situazione.

L’inglese è la lingua internazionale del trading, di conseguenza la maggior parte delle parole che descrivono il mercato, i pattern e i movimenti sono traduzioni di espressioni. I termini short e long derivano proprio dalla lingua anglosassone e sono traducibili, letteralmente, con i termini “corto” e “lungo”.

  • Andare short è traducibile come “andare corto” e significa vendere.
  • Andare long è traducibile come “andare lungo” e significa acquistare.

L’espressione andare lungo e andare corto sono utilizzate non solo nel mercato del Forex, ma anche sul mercato azionario. Di conseguenza, anche nel caso in cui si volesse comprare un’azione di Mps o di un’altra società italiana, ci si potrebbe imbattere nell’espressione Short e Long.

Vediamo più nel dettaglio il significato di questi termini nell’ambito del Forex. Per essere pronti a fare i primi passi nel mondo del trading non si potrà prescindere dal conoscere perfettamente questa terminologia.

Vi consigliamo di leggere anche Forex: glossario dei termini tecnici, in modo da avere una panoramica chiara sui termini più usati nel Forex trading.

Forex, andare long o short: significato di andare lunghi o corti

Nel Forex si fa trading sui tassi di cambio, ovvero su coppie di valute. Si acquista una coppia di valute puntando sull’aumento o la diminuzione di valore dell’una o dell’altra, andando quindi long o short.
Nell’identificare un cambio, quindi, si ha come oggetto un rapporto tra due valute:

  • la valuta base: la prima a comparire nel cambio, al numeratore, EUR/USD;
  • la valuta quotata: la seconda a comparire nel cambio, al denominatore, EUR/USD.

Si va così a costruire una frazione, ovvero il tasso di cambio, che sarà l’oggetto del trading. Il tasso di cambio ci indicherà quantità di moneta necessaria per acquistare l’altra.

Ad esempio, con il cambio euro-dollaro, il tasso di cambio si scrive come EUR/USD (euro “su” dollaro) con l’euro che è la valuta base e il dollaro la valuta quotata.

Il tasso di cambio EUR/USD indica quante unità della valuta quotata (dollaro) servono per ottenere un’unità della valuta base (euro).

Andare long su EUR/USD vuol dire quindi acquistare il cambio, puntando ad un apprezzamento (aumento di valore) dell’euro sul dollaro, ovvero ad un aumento del valore del numeratore rispetto al denominatore.
In questo caso l’aspettativa è di un aumento del tasso di cambio.

Si avrà quindi una visione rialzista del mercato, che prevede appunto un aumento del valore della moneta che ho comprato. In questo modo quando la rivenderò l’aumento nel tasso di cambio frutterà dei guadagni.

Andare short su EUR/USD vuol dire vendere il cambio, puntando ad un apprezzamento del dollaro sull’euro, ovvero ad un aumento del valore del denominatore rispetto al numeratore. In questo caso l’aspettativa è di una diminuzione del tasso di cambio.

Si aprirà quindi una posizione che mira alla discesa del prezzo, in questo caso invece la visione che il trader ha del mercato sarà ribassista.

Se credi che Andrai Il contratto di apertura Il contratto di chiusura
Il prezzo aumenterà Long Compra (buy) Vendi (sell)
Il prezzo scenderà Short Vendi (sell) Compra (buy)

Andare long o short, significato: esempio pratico

Nel caso in cui ancora non vi fosse chiara la situazione vi proponiamo un esempio, in modo da chiarire ogni dubbio rimasto.
Esempio pratico:

EUR/USD quota 1,1350

Scenario rialzista: LONG
Se la mia aspettativa è relativa ad un aumento (es. 1,14) allora andrò long sul cambio, aprendo una posizione lunga.

Scenario ribassista: SHORT
Se la mia aspettativa è relativa ad una diminuzione (es.1,13) allora andrò short sul cambio, aprendo una posizione corta.

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.