Ecobonus: tutte le novità in arrivo con la Legge di Bilancio 2018

Ecobonus, con l’approvazione del disegno di Legge di Bilancio 2018 da parte del Senato vengono introdotte importanti novità. Ecco quali sono.

Ecobonus: tutte le novità in arrivo con la Legge di Bilancio 2018

Ecobonus: l’approvazione della Legge di Bilancio 2018 da parte del Senato ha introdotto importanti novità.

Con la ratifica della Manovra da parte del Senato sono state apportate alcune rilevanti modifiche sulla normativa dell’ecobonus dal 2018, la più importante riguarda la riduzione dello sconto fiscale riconosciuta dallo stesso.

Tuttavia le modifiche riguardanti l’ecobonus dal 2018 non convincono le associazioni di categoria, e tra queste l’Unicmi.

Vediamo dunque quali sono le principali novità che verranno introdotte con la Legge di Bilancio 2018.

Ecobonus: le principali novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018

Con l’approvazione della Legge di Bilancio 2018 da parte del Senato sono state introdotte importanti novità sull’ecobonus.

Una delle principali novità riguarda la riduzione dal 65% al 50% della detrazione per le spese relative a finestre, agli infissi e alle schermature solari.

È prevista anche una riduzione dello sconto fiscale al 50% per la sostituzione di impianti invernali con impianti dotati di caldaie a condensazione e impianti di climatizzazione invernale alimentati da biomasse combustibili (fino a un valore massimo della detrazione pari a 30.000 euro).

Con l’approvazione della manovra da parte del Senato si aggiunge alla lista degli interventi incentivati la spesa per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti.

Le spese ammissibili devono essere sostenute dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, fino a un valore massimo della detrazione di 100.000 euro.

Per poter beneficiare di questa detrazione però gli interventi devono condurre a un risparmio di energia primaria pari almeno al 20%.

Un’altra importante novità riguarda l’innalzamento a 40 mila euro, per ogni unità immobiliare, del livello massimo delle detrazioni spettanti per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, che interessino l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo.

Viene inoltre introdotta l’Iva agevolata al 10% per i lavori di manutenzione ordinaria.

La fattura emessa dall’impresa che fa i lavori di recupero agevolato “deve indicare, oltre al servizio formante l’oggetto della prestazione, anche il valore dei beni di valore significativo” che vengono forniti nell’ambito dell’intervento stesso.

L’Iva agevolata al 10% si applica solo sulla differenza tra il valore complessivo della prestazione e il valore dei beni.

Ecobonus, detrazione al 50% per i serramenti: Unicmi non è d’accordo

Nel testo della Legge di Bilancio 2018 è previsto un abbassamento dal 65% al 50% delle detrazioni fiscali per la sostituzione dei serramenti.

L’Unione nazionale delle Industrie delle costruzioni metalliche dell’involucro e dei serramenti (Unicmi), non d’accordo con la proposta inserita nella manovra 2018, ha deciso di scrivere al Parlamento per chiedergli di eliminare la riduzione dello sconto fiscale dal 65% al 50% previsto attualmente per l’ecobonus.

La sostituzione dei serramenti - ha dichiarato Unicmi - rappresenta un intervento da salvaguardare all’interno delle detrazioni del 65% per queste ragioni:

La praticabilità e la sostenibilità economica da parte dei consumatori italiani (7.200 € l’intervento medio).

L’apporto al raggiungimento degli obiettivi di risparmio energetico: ridurre gli investimenti negli interventi di sostituzione di serramenti significherebbe, di fatto, frenare il “capitolo” di risparmio energetico più importante delle detrazioni fiscali, che da solo vale il 41% del totale. Gli interventi di riqualificazione energetica completa (comma 344) hanno prodotto nel 2016 poco più di 82 GWh/anno, contro i 458 degli interventi di sostituzione serramenti; pur comprendendo la necessità di spingere verso interventi di “riqualificazione profonda”, è evidente che ciò non può essere fatto penalizzando gli interventi che ad oggi producono risultati quantitativamente significativi, pena il significativo calo dei risparmi energetici complessivi nel breve e medio periodo.

Il sostegno alla migliore industria italiana che ha visto ridursi del 40% il mercato fra il 2008 e il 2015. È infatti presumibile che una più completa certificazione delle prestazioni dei serramenti possano porre un limite (qualitativo, non quantitativo) ai processi di importazione di prodotti low-cost.

Ai fini del risparmio energetico è già possibile oggi valutare l’apporto offerto dai serramenti in termini globali cioè in termini di riduzione delle perdite energetiche sia per conduzione (trasmittanza termica) sia per ventilazione (permeabilità all’aria dei serramenti e dei giunti di installazione). Trattasi di aspetti già applicati sul mercato e pertanto ampiamente praticabili dalle PMI. Per implementare ciò ai fini delle detrazioni fiscali del 65%, all’atto pratico, sarebbe sufficiente stabilire nello strumento legislativo che disciplina tali opportunità fiscali (Decreto 11 marzo 2008 coordinato con il Decreto 26 gennaio 2010 e succ. mod.) limiti sulla permeabilità all’aria dei serramenti e richiedere la conformità dei giunti di installazione al requisito 5.3 della UNI 11673-1.

Condividi questo post:

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Ecobonus

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Commenti:

Potrebbero interessarti

Guendalina Grossi -

Legge di bilancio 2018, CNA: «dimenticati artigiani e piccole imprese»

Legge di bilancio 2018, CNA: «dimenticati artigiani e piccole imprese»

Commenta

Condividi

Guendalina Grossi -

Detrazioni fiscali 2018: tutte le novità in Legge di Bilancio e nel decreto collegato

Detrazioni fiscali 2018: tutte le novità in Legge di Bilancio e nel decreto collegato

Commenta

Condividi

Guendalina Grossi -

Ecobonus, ancora novità: detrazione al 65% anche nel 2018?

Ecobonus, ancora novità: detrazione al 65% anche nel 2018?

Commenta

Condividi