Cosa è la Emme Team e di quali indagini si è occupata

Elisa Corpolongo

3 Giugno 2021 - 22:49

condividi

La Emme Team, gruppo statunitense che opera anche in Italia per la tutela dei diritti sul web, è stata messa in discussione da un servizio di Le Iene. La verità ancora non è nota. Che cos’è la Emme Team e di quali indagini si è occupata?

Cosa è la Emme Team e di quali indagini si è occupata

La questione che gira intorno alla Emme Team, che si è occupata di varie indagini riguardanti il mondo del web tra diritto d’autore e cronaca nera, è decisamente seria e va a colpire la base della credibilità del gruppo stesso.

La questione - sollevata da diversi servizi de Le Iene - è ancora aperta e tutt’altro che risolta: ma che cosa è la Emme Team e di quali indagini si è occupata?

Cosa è la Emme Team?

La Emme Team è un trade mark statunitense di investigatori, avvocati ed esperti informatici che si è occupato anche di molti casi di cronaca nera. Tra i casi di cui si è occupata la Emme Team compaiono l’omicidio Vannini, la morte di Tiziana Cantone e quella di Mario Biondo.

La Emme Team è un gruppo americano che opera sotto la legislazione statunitense specializzato nel supporto del diritto d’autore e di immagine, affinché le persone siano in grado di proteggere le proprie opere e la propria reputazione contro pirateria e diffamazione.

Attraverso un servizio di Web Reputation, la Emme Team è in grado di fornire assistenza investigativa e legale a quelle che definisce le “vittime del web”, in tematiche come quella del revenge porn e pedo-pornografia.

Le ombre sulla Emme Team gettate dalle Iene

La società statunitense, che si è occupata delle indagini sulla morte di Tiziana Cantone, è stata messa in ombra e criticata da un servizio di Roberta Rei, inviata di Le Iene.

La giornalista di Mediaset, infatti, ha realizzato un’inchiesta nella quale ha svelato alcuni elementi che rischierebbero di ribaltare le indagini riguardanti Tiziana Cantone mettendo in seria discussione la credibilità dell’entourage dell’Emme Team.

I dubbi mossi Roberta Rei, la giornalista di Le Iene, riguardano in primis l’identità del fondatore del gruppo Emme Team. Secondo le indagini della reporter, infatti, sembrerebbe che non esista il “titolare” del gruppo Emme (almeno sotto il nome che il team fornisce pubblicamente), né la strada sulla patente mostrata ai clienti.

Le ombre sul caso di Tiziana Cantone

Non è tutto. Infatti, la reporter di Le Iene getta ombre anche sul caso della morte che la Emme Team aveva seguito da vicino portando alla luce diverse anomalie informatiche su iPhone e iPad di Tiziana Cantone.

Inoltre, i dubbi ricadrebbero anche su diversi avvocati che avrebbero lavorato al caso di Tiziana e che avrebbero avuto a che fare proprio con la Emme Team.

La risposta di Emme Team a Le Iene

Dall’altra parte, la Emme Team non vuole che il proprio lavoro in ambito di tutela all’interno del web venga sminuito. A causa di questo, molte persone potrebbero non usufruire più di un servizio di tutela che fino a oggi ha indagato su molti casi.

In tal senso, il team d’investigatori, avvocati e informatici dichiara invece di essere nel giusto e che è proprio grazie alle risultanze investigative da raccolte dalla Emme Team che il caso di Tiziana Cantone può continuare a essere svelato, così come altre indagini.

La risposta della Emme Team a Le Iene non si ferma qui, comunque. Infatti, durante un comunicato successivo alla prima parte del servizio del programma di Mediaset, il Team ha diffidato la rete televisiva dal mandare in onda il servizio. Si preannuncia all’orizzonte una battaglia legale.

Tiziana Cantone e gli altri casi: ecco le indagini di cui si è occupata la Emme Team

Ecco alcune delle indagini di cui si è occupata la Emme Team:

  • Tiziana Cantone: una ragazza 31enne ritrovata senza vita il 13 settembre del 2016 a Mugnano, in provincia di Napoli. La vicenda della morte della ragazza - inizialmente archiviata come suicidio - sembrerebbe vertere intorno ad alcuni video hard diffusi sul web. Il suo corpo sarà riesumato l’8 giugno per una riesamina.
  • Mario Biondo: un giallo sul cameraman palermitano che viene ritrovato senza vita nella sua abitazione a Madrid il 30 maggio del 2013. La Emme Team ha avuto un ruolo chiave in questa vicenda per quanto riguarda l’identificazione online di persone collegate all’uomo e alla sua scomparsa.
  • Marco Vannini: il caso noto come “omicidio Vannini” dell’uomo che fu colpito da un’arma da fuoco mentre si trovava nella vasca da bagno il 17 maggio del 2015. Anche in questo caso, la Emme Team aveva avuto un ruolo chiave nelle indagini.
  • Il caso di Bobby Solo: 30 anni di diritti d’autore delle canzoni rubati. La Emme Team non si è occupata solamente di cronaca nera, ma anche di proprietà intellettuale. Grazie al loro lavoro, Bobby Solo è riuscito a individuare le società estere che rubavano i suoi diritti musicali.

Iscriviti a Money.it