Congedo 24 mesi per assistere familiare: si può fruire per il compagno?

Il congedo straordinario retribuito permette l’assistenza e la cura di un familiare convivente in base all’ordine di priorità familiare. Spetta per assistere il proprio compagno?

Congedo 24 mesi per assistere familiare: si può fruire per il compagno?

Il congedo straordinario retribuito regolato e previsto dalla legge 151 del 2001, permette di assistere un familiare convivente con grave handicap in base alla legge 104. Per poter fruire del beneficio, in ogni caso, si segue un preciso e vincolante ordine di priorità familiare che scala solo in caso di mancanza, decesso o patologia invalidante dell’avente diritto.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buona sera,io ho il mio compagno che vive al sud ,io invece al nord ,ho diritto ad avere questo congedo di due anni per 104?lui è affetto da atrofia multisitemica e ha bisogno di essere assistito.
Resto in attesa di una vostra risposta ,grazie M.A.
PS chiedo gentilmente conferma per ricevuta mail ,grazie”

Congedo straordinario per il compagno, è possibile?

Come abbiamo anticipato il congedo viene riconosciuto in base ad un ordine di priorità familiare vincolante che prevede il diritto al beneficio, nell’ordine, a:

  • Coniuge convivente
  • genitori anche non conviventi
  • figli conviventi
  • fratelli o sorelle conviventi
  • parenti o affini entro il terzo grado conviventi
  • figlio non convivente (a patto che stabilisca convivenza con il disabile prima dell’inizio della fruizione del congedo).

Per quel che riguarda il compagno, però, l’ordinamento italiano non lo equipara al coniuge. La convivenza tra due persone, pur implicando un legame di coppia, la reciproca assistenza, sia morale che materiale, un legame affettivo, dall’ordinamento italiano non viene equiparata ad un rapporto di parentela e la legge 151 del 2001 richiede, per la fruizione del congedo, proprio il vincolo della parentela.

Solo in caso di unioni civili il congedo straordinario retribuito è previsto poiché i componenti di tali unioni sono equiparati ai coniugi.

Nel suo caso, quindi, il congedo straordinario non è fruibile.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories