Concorso Mibac, assunzioni per 1052 vigilanti: come prepararsi alle prove

Il concorso Mibac 2019 per l’assunzione di 1052 vigilanti è in scadenza, le domanda di partecipazione possono essere inviate entro il 23 settembre. Di seguito vediamo come prepararsi alle prove di concorso e quali manuali scegliere.

Concorso Mibac, assunzioni per 1052 vigilanti: come prepararsi alle prove

Ancora tempo per partecipare al bando di Concorso Mibac in scadenza per il prossimo 23 settembre 2019, per l’assunzione di 1052 risorse da inserire come vigilanti negli uffici del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Il bando di concorso pubblico è rivolto all’assunzione di personale da inserire nel ruolo di vigilanza e accoglienza presso le strutture del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali disposte sul territorio italiano.

Il bando rappresenta la prima parte di un generale piano di assunzioni che, come chiarito dal Ministero della Funzione Pubblica, vedrà a breve un concorso unico per le diverse amministrazioni con l’obiettivo di assumere 250 funzionari amministrativi.

Con questo piano di assunzioni il Mibac e, più in generale la Pubblica Amministrazione, punta a realizzare un vero e proprio turnover generazionale che possa rispondere non solo all’esigenza di rilanciare il lavoro, ma anche di sopperire ai pensionamenti anticipati che si sono realizzati con Quota 100.

Per sapere quali sono i requisiti di accesso e avere maggiori informazioni sul bando Mibac ti invitiamo a leggere l’approfondimento di Money su bando Mibac 2019. Di seguito troverai invece qualche consiglio utile su come affrontare le prove di concorso.

Concorso Mibac 2019: le domande

Premettendo che non sono ancora state fornite indicazioni ufficiali sulle modalità di svolgimento dei prossimi concorsi Mibac, è plausibile che gli stessi verranno anticipati da prove preselettive basate sui quiz a Logica Formez, così come indicato dalle linee guida pubblicate sul sito della Funzione Pubblica.

Le prove preselettive si basano su quiz a risposta multipla su argomenti di cultura generale e con domande volte a testare le capacità pisco-attitudinali del candidato. Superate queste è possibile accedere alle prove di concorso.

Solo il bando specificherà le materie oggetto delle prove scritte e orali, nonché dei punteggi minimi per passarle. Detto questo è possibile che dati i profili ricercati dal bando la struttura sia simile all’ultimo concorso del 2008, sempre gestito da Formez: nello specifico, il precedente concorso si componeva di circa 200/300 domande a risposta multipla per ognuna delle dieci materie d’esame.

Quanto tempo serve per prepararsi?

Superare un concorso non è questione di intelligenza, ma di preparazione, bisogna quindi dare il giusto spazio al tempo e al metodo di studio.
Solitamente i candidati possono contare su un range di 30/60 giorni dalla data di pubblicazione del bando prima di affrontare le prove.

Una volta preso atto delle materie oggetto della prova e capito quanto tempo si ha disposizione per prepararsi, bisogna organizzare il proprio piano di studio. Non è facile, se di norma sono consigliate 6 ore al giorno per studiare i quiz ed esercitarsi, ognuno deve poi tenere conto dei propri impegni quotidiani e agire di conseguenza. Affidarsi ad un buon manuale di preparazione potrebbe facilitare il percorso.

Concorso Mibac, quali manuali scegliere?

In commercio esistono moltissimi manuali pensati per aiutarti a prepararti al meglio per un concorso pubblico. Noi di Money ti consigliamo di cominciare la tua preparazione dando uno sguardo ai manuali dei concorsi precedenti, ma prima di acquistarne uno attendere la pubblicazione ufficiale del bando, in modo da non commettere errori nell’acquisto.

Il giorno della prova ricorda di leggere bene le domande e riflettere senza metterti ansia, e se le risposte sbagliate fanno maturare un punteggio negativo o meno. Tieni conto del tempo a disposizione in moda da dosare bene quello da dedicare a ciascuna domanda, e ricorda che non sei obbligato a seguire l’ordine con cui i quesiti vengono proposti.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti

Argomenti:

Concorsi pubblici

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.