Comunali 2016, M5S vs PD : chi ha vinto (veramente) le amministrative?

Simone Micocci

8 Giugno 2016 - 15:28

condividi

Chi ha vinto le elezioni amministrative? Chi ha ottenuto più voti tra il Movimento 5 Stelle e il Partito Democratico? Ecco un’analisi dettagliata sui risultati delle Comunali 2016.

Comunali 2016, M5S vs PD : chi ha vinto (veramente) le amministrative?

Movimento 5 Stelle o Partito Democratico: chi ha vinto le elezioni amministrative 2016?

Secondo la maggior parte degli italiani, circa 6 su 10 in base a quanto rilevato dal sondaggio dell’Istituto Piepoli, il Movimento 5 Stelle ha vinto le elezioni comunali del 5 giugno. Lo stesso Beppe Grillo ha affermato che il M5S è il partito che ha preso più voti, ben 956.552, circa 3mila in più del Partito Democratico.

Alcuni vertici del Partito Democratico hanno smentito Grillo dicendo che sono loro i vincitori dell’elezioni amministrative, poiché nei “Comuni capoluogo e superiori” il PD ha preso 940.348 voti mentre il M5S 866.793. Tuttavia, per Matteo Renzi il Partito Democratico non può essere soddisfatto per il risultato ottenuto alle Comunali 2016, anche se bisogna considerare che al primo turno sono stati eletti circa 1000 sindaci dem. Per Beppe Grillo, invece, i sindaci appartenenti al Partito Democratico sono solo 18 ed è per questo che il Movimento 5 Stelle è il reale vincitore delle elezioni amministrative.

Insomma, come accade dopo ogni elezione, tutte le forze politiche dichiarano di aver vinto ed è sempre difficile capire la realtà dei fatti.

Chi ha vinto le Comunali 2016? Partito Democratico o Movimento 5 Stelle, qual è stato il partito più votato? Ilfattoquotidiano.it ha provato a rispondere a questa domanda analizzando nel dettaglio i risultati delle elezioni amministrative del 5 giugno.

Quindi, in attesa del ballottaggio di domenica 19 giugno, vediamo chi tra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle può essere considerato come il vero vincitore delle elezioni.

Elezioni Comunali 2016: perché è difficile stabilire chi ha vinto

Prima di analizzare nel dettaglio i risultati delle elezioni amministrative dobbiamo fare una premessa riguardo alla difficoltà di stabilire un vincitore. Infatti, bisogna considerare che in circa 1100 Comuni italiani a vincere è stato un candidato di una lista civica e in alcuni casi non è semplice capire se proviene da un’ispirazione di destra o di sinistra. Inoltre, il Movimento 5 Stelle ha presentato una lista solamente in un quinto dei Comuni in cui si è votato, quindi è molto difficile fare un raffronto con i risultati ottenuti dal Partito Democratico.

Per risolvere questo problema, Il Fatto Quotidiano ha preso in considerazione solamente i voti ottenuti dalla lista del proprio partito, senza contare quelli della lista civica. Vediamo quanto è emerso dalla loro analisi.

Elezioni Comunali 2016: chi ha vinto tra il PD e il M5S?

In totale i sindaci del Partito Democratico eletti al primo turno sono 17, nei Comuni di: Francavilla in Abruzzo, Ripacandida e San Chirico Raparo in Basilicata, Cassano allo Ionio, Filadelfia e Spezzano della Sila in Calabria, Capua, San Sebastiano al Vesuvio e Villaricca in Campania, Malnate in Lombardia, Rimini in Romagna, Muggia nella Venezia Giulia, Chiusi in Toscana, Città di Castello in Umbria,Barrafranca, Calascibetta e Terrasini in Sicilia.

In altri 10 Comuni invece il PD ha vinto al primo turno grazie all’appoggio di una coalizione di Centrosinistra: Grottole in Basilicata, Felino e San Martino in Rio in Emilia, Norma in Lazio, Cassano D’Adda e Dairago in Lombardia, Montignosoin Toscana, San Pancrazio Salentino in Puglia, Cagliari e Capoterra in Sardegna.

Il Movimento 5 Stelle, invece, al primo turno ha vinto in 4 Comuni: Fossombrone nelle Marche, Dorgali in Sardegna, Grammichele in Sicilia e Vigonovo in Veneto.

In realtà per entrambe le forze politiche non si tratta di vittorie rilevanti poiché il destino della maggior parte dei Comuni si deciderà al ballottaggio del 19 giugno. In totale i ballottaggi saranno 126; il Partito Democratico è presente ben 69 volte, il Centrosinistra 14, mentre il Movimento 5 Stelle solamente 20. Quindi se il Partito Democratico dovesse trionfare nella maggior parte dei Comuni in cui è andato al ballottaggio potrebbe essere il reale vincitore delle amministrative 2016.

Tuttavia, bisogna considerare anche il peso delle vittorie. Infatti, nei 20 Comuni in cui il Movimento 5 Stelle è andato al ballottaggio ci sono Roma, con Virginia Raggi, e Torino, dove Chiara Appendino proverà ad avere la meglio sul sindaco uscente Piero Fassino. Qualora il Movimento 5 Stelle riuscisse a vincere in entrambe le città sarebbe un duro colpo per il Partito Democratico e Renzi, sopratutto in vista del referendum costituzionale di ottobre che potrebbe decidere le sorti del Governo.

Comunali 2016: e se avesse vinto la Lega Nord?

Secondo l’opinione generale il Centrodestra è il grande sconfitto di queste elezioni. In realtà questo può valere per Forza Italia, che è uscito profondamente ridimensionato dalle elezioni, ma non per la Lega Nord.

Infatti, i sindaci leghisti eletti in Lombardia al primo turno sono stati 14 e in alcuni di questi Comuni hanno sostituito delle amministrazioni di centrosinistra. Una delle vittorie più importanti è quella ottenuta a Treviglio, dove la Lega ha avuto la meglio su Forza Italia. Lo stesso vale per Roma, perché anche se la Meloni non è riuscita ad arrivare al ballottaggio, ha comunque ottenuto il doppio dei voti del candidato di Forza Italia, Alfio Marchini. In Veneto invece i sindaci leghisti eletti al primo turno sono stati 10.

Inoltre, il Centrodestra unito ha vinto in 38 Comuni ed è andato al ballottaggio in alcune città molto importanti, Milano su tutte. Nel Capoluogo Lombardo si giocherà una partita importantissima, ma dobbiamo specificare che in questo caso la vittoria sarebbe merito più di Forza Italia che della Lega Nord. Infatti, qui il partito di Salvini ha ottenuto circa la metà dei voti di quello di Berlusconi, a testimonianza di come il carroccio abbia ancora difficoltà ad affermarsi a Milano.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO