Come calcolare l’acconto IRAP per il 2014?

Federico Migliorini

20 Giugno 2014 - 10:44

condividi

Con la riduzione di un decimo dell’aliquota IRAP per imprese e professionisti (D.L. 66/2014) diventa può essere utile usufruire del metodo previsionale per il calcolo degli acconti 2014 in modo da beneficiare dell’aliquota agevolata del 3,75%. Ecco alcuni consigli utili.

Come calcolare l'acconto IRAP per il 2014?

Con la conversione in legge del D.L. 66/2014, è diventato definitivo lo sconto IRAP previsto dal Governo Renzi per imprese e professionisti a partire dall’anno 2014. L’agevolazione ha l’obiettivo di alleggerire il carico fiscale sui contribuenti e può essere fruita sia dalle imprese che pagano IRAP per l’indeducibilità del costo del personale e degli oneri finanziari, sia da quelle che non impiegano manodopera.

Ai sensi del nuovo decreto, quindi, dal 2014 imprese e professionisti potranno beneficiare di nuove aliquote IRAP agevolate, a seconda della categoria di appartenenza:

  • Imprese industriali e commerciali e professionisti – aliquota del 3,5 al posto dell’attuale 3,9% del 2013;
  • Banche e società finanziarie – aliquota del 4,2% al posto dell’attuale 4,65%;
  • Assicurazioni – aliquota del 5,3% al posto dell’attuale 5,9% del 2013;
  • Imprese agricole – aliquota dell’1,7%;
  • Concessionarie di opere diversa da autostrade e trafori – aliquota del 3,8% contro l’attuale 4,2%.

Inoltre per tutti vengono ridotte le maggiorazioni/riduzioni di aliquota previste dalle leggi Regionali che potranno variare l’aliquota nazione per non più dello 0,92%.

Come calcolare il nuovo acconto IRAP 2014?
Il passaggio alle nuove aliquote prevede di prestare particolare attenzione al calcolo degli acconti per il 2014. Come sempre, gli acconti possono essere calcolati con il metodo storico, prendendo a riferimento il 101,5% del saldo IRAP 2013, per versare poi il 40% a giugno/ (o 7 luglio per chi applica gli studi di settore) e novembre per il secondo acconto. In alternativa, può essere particolarmente conveniente quest’anno, utilizzare il metodo previsionale. Con questo metodo l’acconto si calcola con aliquote intermedie tra quelle in vigore nel 2013 e quelle future agevolate. In pratica si calcolerà l’IRAP 2014 in acconto con un aliquota intermedia del 3,75 per cento. In pratica chi intende ridurre il versamento in acconto rispetto al valore del 2013 deve prima stimare la base imponibile 2014, conteggiando l’imposta preventivata al 3,75% anziché al 3,5 per cento.

La nuova aliquota intermedia per il calcolo degli acconti è così modulata: per le banche sarà il 4,5%, per le assicurazioni il 5,7%, per le imprese agricole l’1,8% e le concessionarie il 4 per cento.

Argomenti

# IRAP