Il 2019 è stato un anno molto positivo per BMW negli Stati Uniti. La casa automobilistica bavarese infatti lo scorso anno è riuscita a battere per la prima volta dal 2015 i rivali di Mercedes. Grazie ad un mese di dicembre davvero straordinario, in cui il marchio tedesco ha venduto esattamente 35.746 auto, è avvenuto il sorpasso sui rivali con circa 8.700 unità in più. In questo risultato di BMW un ruolo importante lo ha avuto sicuramente il nuovo maxi SUV BMW X7, che dopo un’attesa durata molti anni è finalmente arrivato sul mercato.

Nel 2019 BMW batte Mercedes negli Stati Uniti

Nel frattempo Mercedes ha dovuto fare i conti con alcuni problemi di produzione nel suo impianto di Tuscaloosa in Alabama a causa dei rapporti con alcuni fornitori che hanno finito per rallentare la produzione di modelli per gli Stati Uniti. Questo ovviamente ha finito per influenzare le vendite della società di Stoccarda, che infatti sono state appena 135 in più del 2018. Le immatricolazioni totali di Mercedes nel 2019 negli Stati Uniti sono state esattamente 316.094.

I bavaresi però sono sotto indagine della SEC per presunte pratiche di vendita illegali

Le cose però nei rapporti di forza tra BMW e Mercedes negli Stati Uniti potrebbero ancora cambiare. Infatti nelle scorse ore è trapelata l’indiscrezione secondo cui la US Securities and Exchange Commission starebbe indagando sulle pratiche di vendita della casa automobilistica bavarese. Questo a causa delle lamentele di alcune concessionarie affiliate che avrebbero messo in evidenza pressioni per acquistare veicoli non desiderati.

La pratica, secondo l’accusa, avrebbe permesso alla società tedesca di gonfiare le vendite. Dunque dovremo aspettare e vedere cosa la SEC dichiarerà ad indagini concluse per capire se il risultato di BMW negli Stati Uniti potrà essere confermato o meno. Vedremo dunque come si evolverà la situazione e vi aggiorneremo.