Australia: disoccupazione in netto calo fa risalire l’Aussie, ma il trend ribassista resta intatto

Buone indicazioni per il mercato del lavoro in Australia: la disoccupazione scende più del previsto al 6,1%. Dollaro australiano tenta la risalita, ma resta sotto pressione

Stanotte è stato pubblicato il dato relativo al mercato del lavoro in Australia nel mese di agosto. Il paese oceanico, che presenta un’economia molto dipendente dall’andamento dell’industria mineraria e correlata a quella cinese, ha sperimentato un sensibile miglioramento del tasso di disoccupazione, che lo scorso mese è calato al 6,1% dal precedente 6,4%. Gli analisti finanziari si aspettavano soltanto un lieve calo al 6,3%, per cui le stime di consensus sono state nettamente battute. Buone notizie arrivano anche sul fronte degli occupati, cresciuti ad agosto di 121mila unità rispetto alle 51mila unità stimate dagli economisti.

Sul forex la reazione del dollaro australiano è stata positiva. Il tasso di cambio AUDUSD, che ieri era sceso sui minimi da fine marzo scorso a 0,9112, è tornato sopra 0,92 toccando un top intraday a 0,9217. Tuttavia l’euforia post-dato sta ora lasciando il posto a fattori tecnici, che continuano a vedere il biglietto verde super-favorito da qui ai prossimi giorni. D’altronde ieri l’Aussie era stato interessato dal breakout ribassista esplosivo del supporto chiave di 0,92, che corrisponde all’estermo basso di un trading range che si portava avanti ormai da ben cinque mesi.

Attualmente l’Aussie quota poco sopra 0,9170, comunque in ripresa ma ancora soggetto alle vendite degli investitori di breve-medio periodo che in questa fase continuano a privilegiare gli acquisti di dollari americani contro tutte le principali valute del G-10. Se il test dell’area di resistenza di 0,92 dovesse fallire completamente, i prezzi potrebbero approfondire il movimento ribassista iniziato tre giorni fa da area 0,9370 fino ai prossimi supporti di 0,90 prima e 0,89 poi.

Negli ultimi giorni il dollaro australiano ha sofferto molto anche nei confronti della moneta unica, tanto che il cross EURAUD si è portato da un valore minimo di 1,38 a quasi 1,4190 (top di ieri). Oggi questo cross quota a 1,4070, ma ha toccato un bottom intraday a 1,4010 sui mercati asiatici a seguito della pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro in Australia. Qui non va escluso un ritorno deciso delle vendite, che potrebbero favorire una nuova flessione verso i minimi di periodo di 1,38.

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.