AdBlue: cos’è e come funziona l’additivo per i motori diesel

Molte delle più recenti auto diesel sono dotate del serbatoio dell’AdBlue, un additivo che serve a ridurre le emissioni dei motori a gasolio. Vediamo cos’è e come funziona.

AdBlue: cos'è e come funziona l'additivo per i motori diesel

L’AdBlue è presente su diverse auto diesel, in particolare su quelle di grossa cilindrata, fuoristrada, furgoni e autocarri. Il suo compito risponde all’esigenza sempre più stringente di ridurre le emissioni nocive rilasciate nell’atmosfera, in particolare quelle di ossido di azoto (NOx) e di biossido di azoto (NO2).

Per farlo, si è pensato di utilizzare un additivo in grado di “pulire” i gas di scarico scindendo chimicamente le emissioni di ossido di azoto in vapore acqueo e gas di azoto non nocivo. L’AdBlue fa esattamente questo: è composto da urea e da acqua, è atossico, incolore, inodore e non infiammabile.

Viene stivato in un piccolo serbatoio collegato ad una bocchetta di rifornimento, collocata generalmente vicino al tappo del carburante del veicolo oppure vicino agli organi meccanici. L’AdBlue viene iniettato nel sistema di scarico e va ad agire direttamente sui gas prodotti dalla combustione.

AdBlue: cos’è

Come dicevamo, l’AdBlue è un additivo composto da una soluzione acquosa di urea tecnica di alta qualità (bassi contenuti di calcio, metalli, biureto, etc.) al 32.5% mescolata con il 67.5% di acqua demineralizzata. Il suo nome depositato è AUS32 (Aqueous Urea Solution 32.5%) ed è di proprietà della Verband der Automobilindustrie (VDA) l’associazione tedesca dei costruttori di veicoli.

La VDA garantisce che gli standard qualitativi siano mantenuti in conformità con la specifica ISO 22241, aspetto fondamentale perché la soluzione - per essere definita AdBlue - deve contenere una concentrazione specifica di urea tecnica e rispettare i rigidi parametri qualitativi che regolano i contenuti di metalli, calcio, biureto e altre component. Questi ultimi . se presenti nell’AdBlue - danneggerebbero irreparabilmente il catalizzatore.

Come funziona l’AdBlue

L’AdBlue è utilizzato solo sui veicoli dotati di dispositivi con tecnologia SCR (Selective Catalytic Reduction), utilizzata sui veicoli omologati Euro 6 ma non presente sui motori diesel più vecchi. L’SCR permette di scindere gli Ossidi di Azoto in particelle di acqua e di anidride carbonica (CO2), per farlo ha bisogno dell’AdBlue come reagente per innescare il processo chimico.

L’AdBlue non deve essere mescolato con il gasolio, viene nebulizzato attraverso un ugello direttamente sui gas di scarico utilizzando un processo di post-combustione. Il vapore acqueo, l’azoto e l’anidride carbonica prodotti dalla scissione dell’ossido di azoto vengono rilasciati nell’atmosfera attraverso il tubo di scarico.

AdBlue: quanto dura e come fare rifornimento

La durata dell’AdBlue dipende dal tipo di veicolo, dallo stile di guida e dal carico. Questo perché la centralina elettronica che ne regola l’erogazione deve miscelarlo secondo un rapporto predeterminato con la quantità di gas di scarico prodotta. Secondo le stime fatte dai costruttori di auto, mediamente un’auto diesel di cilindrata media percorre 1.000 chilometri con il litro di AdBlue.

L’AdBlue dispone di un serbatoio apposito a bordo dei veicoli sui quali viene utilizzato, generalmente da 10 litri o - nel caso di mezzi pesanti - anche di capacità superiore. È fondamentale non versarvi gasolio e allo stesso tempo non versare l’additivo nel serbatoio del carburante.

Va conservato in un ambiente idoneo (non sotto il sole) a temperature inferiori ai 30° e durante il rifornimento bisogna fare attenzione a non far entrare impurità o polvere nel serbatoio. Eventuali raccordi o imbuti utilizzati durante il rifornimento dell’AdBlue devono essere puliti accuratamente sia prima che dopo l’operazione utilizzando solo acqua demineralizzata (evitare acqua di rubinetto oppure olio).

AdBlue: quanto costa e dove comprarlo

È possibile acquistare l’AdBlue presso negozi di autoricambi, ferramenta, stazioni di servizio e concessionari automobilistici. Viene venduto in taniche da 10 litri ad un prezzo che oscilla tra il 15 e i 20 euro a tanica. Si trova anche sui principali siti di e-commerce.

Se non si vuole acquistare un’intera tanica di AdBlue è possibile rivolgersi ad una stazione di rifornimento, alcune dei quali - soprattutto quelli autostradali o che servono di frequente i camion - hanno delle pompe dedicate.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Diesel

Condividi questo post:

1 commento

foto profilo

EmissionOK • 4 settimane fa

Molto importante scegliere un prodotto di sintesi e garantito dal produttore in quanto molti prodotti presenti sul mercato non rispettano le specifiche richieste e possono danneggiare gravemente il catalizzatore SCR. La VDA proprietaria del marchio infatti non effettua controlli di qualità ed l’AdBlue viene quindi prodotto in autocertificazione. Importantissimo è acquistare il prodotto originale o garantito da una primaria società di produzione.

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.