Assegno bancario

L’assegno bancario è un titolo di credito tramite cui l’intestatario di un conto corrente bancario indica alla propria banca di effettuare un versamento - di pari importo rispetto a quanto segnalato sull’assegno ad un soggetto terzo, detto beneficiario.

Le tre parti coinvolte dietro il processo di un assegno bancario sono:

  • Traente (banca emittente)
  • Trattario (colui che emette l’assegno)
  • Beneficiario (colui al quale viene trasferita la somma di denaro riportata sull’assegno)

Affinché l’assegno bancario si valido è necessario:

  1. che il trattario abbia un conto corrente presso una banca
  2. che la banca autorizzi il proprio cliente all’emissione di assegni, una specifica fatta al momento dell’apertura del conto
  3. che il trattario abbia fondi sufficienti a copertura dell’assegno emesso.

Assegno bancario, ultimi articoli su Money.it

Quale assegno è più sicuro?

Pubblicato il 6 giugno 2018 alle 14:19

Per effettuare o ricevere somme sostanziose di denaro un mezzo utile è l’assegno; ne esistono tuttavia diversi tipi e sarà bene conoscerli nel dettaglio per scegliere il più sicuro e più adatto alle proprie esigenze.

Assegni trasferibili, verso la riduzione delle sanzioni

Pubblicato il 10 maggio 2018 alle 16:54

Sanzioni ridotte per gli assegni trasferibili: il decreto antiriciclaggio che sarà approvato durante il CdM dell’11 maggio 2018 modifica le multe previste per assegni privi di clausola di non trasferibilità.

Quando posso pagare in contanti?

Pubblicato il 19 gennaio 2018 alle 09:17

Limite pagamenti in contanti 2018: i chiarimenti del dipartimento del Tesoro su assegni, caparra e compro oro. Quando si può pagare in contanti? Ecco tutte le risposte che cercate.

Bloccare un assegno: quando è possibile?

Pubblicato il 10 gennaio 2018 alle 16:00

Non è possibile revocare un assegno dopo averlo compilato e consegnato, a meno che il beneficiario non lo incassa entro le tempistiche previste.

|