Trimestrale BNP Paribas: sale l’utile, confermati obiettivi 2020

BNP Paribas rivela i dati della terza trimestrale 2018, i quali registrano una lieve contrazione dei ricavi che non scoraggia l’AD Jean-Laurent Bonnafé

Trimestrale BNP Paribas: sale l'utile, confermati obiettivi 2020

La terza trimestrale di BNP Paribas registra una lieve flessione nei ricavi del primo gruppo francese per capitalizzazione.

Al tempo stesso aumentano gli utili, con un +4% rispetto allo scorso anno a 2,12 miliardi di euro, che fa ben sperare i dirigenti nella bontà delle decisioni intraprese.

Il 2018 si conferma un anno di investimenti per BNP, alla ricerca di nuovi settori potenzialmente remunerativi. Si tratta di una strategia volta a compensare le spese necessarie all’adeguamento tecnologico, e che accomuna molte grandi banche.

L’aumento dell’utile è stato ottenuto in particolare grazie alla cessione del 30,3% di First Hawaiian Inc., il maggiore istituto di credito delle isole Hawaii. A bilanciare il calo del 7,9% del risultato operativo hanno contribuito anche le minori pressioni fiscali.

Aumentano i costi nella trimestrale a causa dell’investimento tecnologico di BNP

Nonostante l’importante vendita della partecipazione, i ricavi sono scesi dello 0,4% e si sono attestati a 10,35 miliardi di euro, contro i 10,61 miliardi attesi dagli analisti. Al tempo stesso i costi della banca sono incrementati del 2%, per spese principalmente orientate a far fronte all’innovazione della tecnologia interna all’azienda.

In un’intervista televisiva, il Chief Financial Officer Lars Machenil si è detto comunque sicuro di un rientro in territorio positivo, e sono stati confermati gli obiettivi per il Piano Industriale 2020.

Taglio dei costi in BNL

Diminuiscono i ricavi anche per quanto riguarda la controllata italiana di BNP, BNL, scesi di 8,3 punti percentuali a €660 milioni. In compenso, rispetto al 2017, sono saliti i prestiti (+2,1%), i depositi (+2,7%), i contratti vita (+9,7%) e i fondi comuni (+1,4%).

La terza trimestrale BNL ha inoltre registrato una contrazione dei costi dell’1,5%, fermi a 439 milioni di euro. L’esito è stato raggiunto grazie a un taglio alle spese in vista di maggiore efficienza.

AL momento della scrittura, dopo la pubblicata trimestrale, il titolo BNP perde il 3% in Borsa e scambia intorno a quota €45,89.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su BNP Paribas

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.