Una tassa per l’immigrazione: la proposta di Tremonti per “aiutarli a casa loro”

Una tassa per l’immigrazione: è l’IVA per l’Africa o De-Tax la proposta del Professor Tremonti, intervistato da Money durante il Forum Commercialisti ed Esperti Contabili 2020.

Una tassa per l’immigrazione, l’IVA per l’Africa, per aiutarli a casa loro e rendere concreto uno spot fin troppo abusato negli ultimi tempi, ovvero l’aiutare gli immigrati nei propri Paesi d’origine.

È il Professor Giulio Tremonti, ex Ministro dell’Economia, a proporre una soluzione concreta per affrontare il problema dell’immigrazione e, intervistato da Money.it in occasione del Forum Commercialisti 2020, spiega in cosa consiste quella che è anche chiamata De-Tax.

L’immigrazione è oggi sentito come un problema emergenziale in Italia, sebbene siano poche le soluzioni concrete proposte per affrontarlo, non solo sul fronte nazionale ma anche su quello comunitario.

L’IVA per l’Africa di Tremonti avrebbe consentito all’Europa di arrivare per tempo, ma la proposta - spiegata nell’ultimo libro dell’ex Ministro “Le tre profezie. Appunti per il futuro” è stata bocciata. Perché?

Una tassa per l’immigrazione: la proposta di Tremonti per “aiutarli a casa loro”

Nel 2000 come proposta di legge, e poi nel 2001 al Governo in sede di Ecofin, il Governo italiano con l’allora Ministro Giulio Tremonti ha avanzato la proposta della De-Tax come misura per ridurre il problema dell’immigrazione.

In cosa consiste quella che è anche nota come l’IVA per l’Africa? A spiegarlo ai microfoni di Money.it è lo stesso Professor Tremonti:

“se compri un paio di scarpe in un negozio, ed il negozio è convenzionato con l’Africa via volontariato, la signora Europa rinuncia ad un punto di IVA e quei soldi che in Europa valgono poco, in Africa valgono enormemente di più”

La proposta di Tremonti di rinunciare ad un punto di IVA per finanziare direttamente i Paesi africani non è però mai passata:

“L’idea allora dominante (presidenza Prodi per esempio) era che l’immigrazione non è un problema ma è la soluzione dei nostri problemi. Adesso qualcuno inizia a capire che non è solo la soluzione, ma anche un problema.”

IVA per l’Africa mai passata, colpa di un’Europa ottusa

Se l’immigrazione è sentita come problema in Italia, lo è in misura maggiore nei Paesi d’origine. Per Tremonti:

“il problema non è l’accoglienza qua, ma cosa succede in Africa. Se parte più giovane della popolazione abbandona il Paese vuol dire disperazione, distruzione di quei luoghi, assoggettamento a dittature, l’arrivo di terroristi.”

Il Professor Tremonti critica poi in maniera decisa le attuali forme di assistenza:

“i soldi che l’Europa manda all’Africa vanno o nei conti svizzeri dei dittatori o vanno in armamenti. I soldi che stiamo dando, forse è meglio darli in Africa a chi ne ha bisogno per evitare che il problema si manifesti.”

Per quale motivo, l’IVA per l’Africa proposta da Tremonti è rimasta soltanto una proposta?

L’Europa disse no in assoluto perché l’IVA è nostra e perché quello delle migrazioni non è un problema ma addirittura la soluzione dei problemi.”

Un problema di ottusità dei governanti europei, afferma l’ex Ministro, più che di ingordigia e gelosia sulle proprie entrati fiscali IVA.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su IVA

Condividi questo post:

Una tassa per l'immigrazione: la proposta di Tremonti per “aiutarli a casa loro”

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.