Scopriamo le meraviglie d’Italia con Beppe Convertini di Linea Verde

8 Luglio 2022 - 10:25

condividi

Intervista esclusiva al conduttore di Raiuno che quest’estate con «Azzurro - Storie di mare» ci accompagnerà in un affascinante viaggio lungo la nostra penisola

Scopriamo le meraviglie d'Italia con Beppe Convertini di Linea Verde

Da tre stagioni è il padrone di casa di Linea Verde, il programma di Raiuno che, nel weekend, racconta il territorio italiano, dall’agricoltura alla biodiversità, passando per le eccellenze agroalimentari del nostro Paese.

Ma non solo: Beppe Convertini, attore e conduttore, classe 1971, sta per tornare sulla rete ammiraglia della Rai anche con la seconda stagione di Azzurro - Storie di mare, trasmissione che ci porterà alla scoperta delle coste più belle dell’Italia.

Insomma, chi meglio di Convertini può svelarci qualche curiosità sul nostro territorio?

Beppe, partiamo dall’anno che si è appena concluso. Per la terza volta sei stato al timone di Linea Verde. Bilancio positivo?

«Assolutamente sì, è stato un anno davvero speciale, anche perché abbiamo raggiunto ascolti straordinari. Il pubblico di Raiuno ci ha davvero premiati, anzi colgo l’occasione per ringraziare tutti i telespettatori che ancora una volta hanno dimostrato di essere affezionati al programma».

Un legame, quello tra Linea Verde e il pubblico, che non accenna a incrinarsi, anzi. Qual è il segreto di questo matrimonio così ben riuscito?

«Io credo che risieda proprio nella natura stessa della trasmissione: Linea Verde racconta l’Italia della provincia, la parte più autentica del nostro Paese. Parla dell’Italia che lavora, che ci mette il cuore, che fa tanti sacrifici per far sì che la nostra agricoltura, l’allevamento e il nostro artigianato siano apprezzati in tutto il mondo. Ma racconta anche le eccellenze enogastronomiche italiane, che sono le più gustose e variegate nel mondo, svela le bellezze artistiche, storiche e culturali, racconta usi, costumi, dialetti della nostra terra. Insomma, Linea Verde è un viaggio che non rientra negli itinerari classici del turismo, ma porta alla luce borghi autentici, inesplorati, luoghi che scopriamo proprio grazie a questo programma».

A proposito di borghi e città poco conosciute, ci sono dei luoghi che hai visitato in questi anni che più ti sono rimasti nel cuore?

«Tantissimi! Non mi basterebbero le pagine di una intera enciclopedia per descrivere non solo i luoghi, ma anche le persone e gli incontri che ho vissuto grazie a Linea Verde. Però posso raccontarti un episodio che recentemente mi ha molto colpito».

Siamo curiosi...

«In Trentino Alto Adige, a Curon, ho avuto modo di parlare con Teresa, una signora novantenne. Curon, per chi non lo sapesse, è famosa soprattutto per il Lago di Resia, un lago artificiale da cui spunta la parte finale di un campanile. Questo perché, quando Teresa era giovanissima, aveva circa 18 anni, si decise di far evacuare il paesino per trasformare quello spazio in una diga per la produzione dell’energia idroelettrica. Teresa e la sua famiglia dovettero quindi abbandonare tutto. E lei mi ha raccontato, con le lacrime agli occhi, il dramma di aver perso in un istante la sua casa, la sua chiesa, il suo paese. È stato davvero un racconto molto toccante».

Beppe Convertini Beppe Convertini Beppe Convertini durante la registrazione del programma

Ci sono altri luoghi che vorresti segnalare?

«Per il Sud posso segnalare San Vito e Polignano a Mare, luoghi davvero magici. Per il Centro Norcia, che colpita da un terribile terremoto ha avuto la forza di rialzarsi, anche grazie alla tenacia e al coraggio dei suoi abitanti. Per il Nord vorrei invece segnalare Pavia: pochi lo sanno, ma è una città che ha davvero tante bellezze da visitare. Io ho avuto la fortuna di visitarla con Ron, che è originario proprio di queste zone. Pensate che la nonna lavorava nelle risaie, era una mondina. Insomma, un incontro che mi ha permesso di scoprire un luogo che conoscevo poco».

A breve tornerai su Raiuno con Azzurro - Storie di mare

«Azzurro è un programma che racconta il mare italico a 360 gradi. Anche quest’anno andremo quindi alla scoperta degli antichi mestieri legati al mare, alcuni tra l’altro in via d’estinzione, delle eccellenze enogastronomiche, delle tradizioni e delle processioni, degli usi e costumi. Senza dimenticare di raccontare le nostre meravigliose coste, ricche di flora e fauna. Insomma, un viaggio che ci porterà a toccare alcuni dei luoghi più suggestivi al mondo, come Capri, Ischia, Procida, Napoli, Ostuni, le Cinque Terre. E l’elenco è ancora lunghissimo. L’appuntamento è su Raiuno dal 24 luglio, tutte le domeniche alle 9.30, fino all’11 settembre».

Ultima domanda: tu hai scritto anche un libro, In viaggio con Beppe Convertini…

«Sì, è un libro nato con l’intento di portarvi alla scoperta del nostro meraviglioso Paese: l’Italia è senza ombra di dubbio il Paese al mondo più ricco di storia, cultura, arte, bellezze e tradizioni. È un libro fatto di ricordi e foto dei miei viaggi, ma dove troverete anche ricette e luoghi dove andare a mangiare. Insomma, una guida pensata per fornire una finestra sugli incantevoli scorci della nostra amata terra, da Nord a Sud».