Riscaldamento a idrogeno a casa, quanto costa e perché conviene

Luna Luciano

06/12/2023

06/12/2023 - 21:42

condividi

L’idrogeno potrebbe diventare il «combustibile del futuro» anche per il riscaldamento della casa, ma come funzione e quanto costa? Ecco perché conviene.

Riscaldamento a idrogeno a casa, quanto costa e perché conviene

L’idrogeno è il combustibile del futuro in quanto è una fonte rinnovabile di energia ecosostenibile.

L’unica pecca è che non è possibile trovare questo elemento chimico da solo in natura. Se si ricavasse però l’idrogeno da una fonte di energia pulita, questo potrebbe essere definito un “vettore energetico a zero emissioni”,

Di fronte all’attuale crisi climatica, mentre si è alla ricerca di soluzioni “green”, l’idrogeno si prospetta essere quindi la miglior soluzione per poter raggiungere l’obiettivo europeo di decarbonizzazione per il 2050.

L’Unione Europea, infatti, si è già mossa e si è posta l’obiettivo di produrre 10 milioni di tonnellate di idrogeno entro il 2030 per accelerare la transizione verde, in modo che l’idrogeno possa alimentare il settore alimentare, chimico, petrolchimico, tessile, metallurgico e aerospaziale.

Ma l’idrogeno potrebbe entrare anche nelle nostre case per il riscaldamento. Le moderne caldaie a idrogeno sono dei sistemi i per tecnologici capaci di produrre calore ed energia elettrica, ma come funziona e soprattutto quanto costa?

È opportuno sciogliere ogni dubbio a riguardo. Di seguito tutto quello che serve sapere sul riscaldamento a idrogeno e quali i suoi vantaggi e svantaggi.

Riscaldamento a idrogeno: come funziona?

L’idrogeno è una fonte rinnovabile di energia ed è considerata dall’Europa una risorsa strategica, in quanto non genera emissioni di CO2 ma solo vapore acqueo come scarto; e può essere utilizzato in maniera completamente ecosostenibile.

L’idrogeno potrebbe quindi diventare il “combustibile del futuro” non solo per i diversi settori industriali, da quello alimentare a quello chimico, ma anche per le nostre case. Infatti, è possibile realizzare impianti a idrogeno per riscaldare l’acqua in casa.

La caldaia a idrogeno funziona grazie a tecnologie avanzate, tra cui sistemi dotati di un bruciatore catalitico che utilizza l’idrogeno allo stato gassoso.

La combustione dell’idrogeno per produrre calore parte dall’estrazione di idrogeno dall’acqua, così da averlo in purezza allo stato gassoso. La caldaia è poi dotata di un bruciatore catalitico che avvia un processo di ossidazione dell’idrogeno attraverso un agente catalizzatore auto-innescante.

L’idrogeno ossidato, combinandosi con l’ossigeno normalmente presente nell’atmosfera, genera energia termica che può essere utilizzata per il riscaldamento dell’ambiente e dell’acqua.

Le moderne caldaie a idrogeno sono dotate di sistemi integrati, in quanto sono in grado sia di produrre idrogeno sia di utilizzarlo in un processo di combustione pulita per ottenere calore senza emissioni di gas serra. A seconda della tecnologia, questi impianti sono capaci di ricavare non solo calore ma anche energia elettrica in modo sostenibile.

Riscaldamento a idrogeno a casa: quanto costa?

Ma quanto costa un riscaldamento a idrogeno? Trattandosi di un sistema ipertecnologico, l’impianto della caldaia a idrogeno è sicuramente costoso. Il prezzo per una caldaia a idrogeno è sicuramente superiore rispetto a quello degli impianti più tradizionali. Un impianto con la caldaia a idrogeno può arrivare a costare tra i 6.000 - 10.000 euro per il riscaldamento di una casa da 170 mq. Più è grande la superficie da riscaldare, più la caldaia dovrà essere potente e, di conseguenza, anche costosa

Un costo a parte sarà invece la manutenzione che, in base all’attuale legislazione italiana, è obbligatoria ogni 6 mesi per le caldaie ad idrogeno.

Riscaldamento a idrogeno: quali sono i pro e i contro?

Sicuramente, come si è potuto notare, il prezzo rappresenta uno degli svantaggi dell’istallazione della caldaia a idrogeno. Accanto a questo dato, altri svantaggi sono:

  • dimensioni elevate che richiedono maggiore spazio a disposizione;
  • installazione e allacciamenti piuttosto complessi da realizzare;
  • costi elevati non solo all’acquisto ma per l’installazione e manutenzione.

Ma sul piatto della bilancia bisogna porre anche i vantaggi, i quali sono di gran lunga maggiori non solo per il singolo utente ma per l’ambiente. I principali vantaggi di una caldaia a idrogeno sono:

  • non produce emissioni di CO2;
  • utilizzando l’idrogeno come combustibile, si potrebbe eliminare o ridurre l’utilizzo di combustibili fossili;
  • evita la formazione di altri gas nocivi per l’ambiente come l’ossido di azoto;
  • lo scarto della combustione è unicamente vapore acqueo;
  • l’idrogeno è un elemento abbondante sulla Terra e considerato carbon neutral;
  • gli impianti possono produrre sia elettricità che calore.

Forse il vantaggio più importante per il consumatore nel lungo termine è a livello economico. Se è vero che acquistare e installare una caldaia ad idrogeno di ultima generazione è costoso sul momento, in futuro si potrà risparmiare dicendo addio alle bollette di luce e gas.

Al momento si tratta ancora di tecnologie ancora in fase di sviluppo e perfezionamento, ma potrebbero in futuro aiutare il pianeta riducendo le emissioni di CO2 e l’effetto serra.

Argomenti

# Casa

Iscriviti a Money.it