Neve, maltempo e rischio valanghe: allerta meteo in Italia, le regioni coinvolte

Luna Luciano

22 Gennaio 2023 - 10:46

condividi

È allarme meteo in Italia per il maltempo. A rischio valanghe alcune regioni. Ecco quali sono.

Neve, maltempo e rischio valanghe: allerta meteo in Italia, le regioni coinvolte

Bufere e freddo si abbattono sull’intera penisola e scatta immediatamente l’allerta meteo per alcune regioni. Durante questo week end l’Italia ha conosciuto e conoscerà nei prossimi giorni un abbassamento repentino delle temperature.

La protezione civile è subita scattata sull’attenti per individuare le zone a rischio non solo di bufere ma anche di valenghe, molteplici sono le regioni che in questi giorni corrono tale pericolo ma una sola sembra essere in allerta rosso.

Il freddo tanto atteso in questi mesi è finalmente giunto, come annunciato da settimane, e la speranza è che le Regioni siano pronte ad affrontare anche i possibili rischi legati al freddo improvviso dopo mesi di temperature quasi primaverili.

Intanto è bene che i cittadini conoscano quali sono le Regioni coinvolte dall’allerta meteo e cosa non fare durante un allerta bufera o valanga. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Quali sono le Regioni sono in allerta meteo e valanghe?

La protezione civile ha prontamente indicato che questo fine settimana su gran parte delle catene montuose italiane è stato valutato un aumento del pericolo valanghe, consigliando ai cittadini di evitare le alte quote e zone a rischio.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile - in intesa con le regioni coinvolte alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati - ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che estende il precedente.

Diversi sono i fenomeni meteo che stanno colpendo diverse aree della penisola, e il rischio e che possano comportare una serie di criticità idrogeologiche e idrauliche. A partire da ieri - 21 gennaio - numerose sono state le nevicate sparse e diffuse, al di sopra dei 200-400 metri su Emilia-Romagna, Toscana, Marche e Umbria, e in special modo sono stati coinvolti i settori nord-orientali, con apporti al suolo moderati, fino ad abbondanti a quote superiori.

Per la giornata di domenica 22 gennaio, invece, è stato previsto il persistere di precipitazioni sparse anche a carattere di rovesci, temporali con rischio di grandinate e forti raffiche di vento, specialmente in Campania.

Stando al bollettino della protezione civile oggi sono in allerta gialla per bufere e neve:

  • Abruzzo;
  • Marche;
  • Molise;
  • Basilicata;
  • Calabria;
  • Emilia Romagna;
  • Umbria;
  • Campania;
  • Puglia.

Per quanto riguarda il pericolo valanghe, previsto sì nel week end per le catene montuose italiane, rimane in allerta rosso solo una regione: l’Abruzzo.

Allerta bufera e valanghe: cosa fare?

Solitamente i bollettini di allerta meteo rilasciati dal Dipartimento di Protezione Civile sono spesso seguiti da numerosi interrogativi dei cittadini, i quali spesso non conoscono quali siano i comportamenti da adottare in tali situazioni.

Per quanto riguarda l’allerta alluvione, temporali e grandine i principali consigli sono di:

  • non soggiornare in cantine, garage, locali seminterrati o al piano strada, sino alla fine dell’evento e sali ai piani superiori.
  • non transitare a sostare su ponti, passerelle, argini di torrenti e sottopassi.
  • Non lasciare un luogo sicuro fino al cessato pericolo.
  • In caso in cui ci si trovi in mezzo al temporale mentre si è in macchina è bene fermarsi al primo luogo sicuro, non tentando di raggiungere la propria meta di destinazione.

Per quanto riguarda invece il pericolo di neve e valanghe, Anas consiglia:

  • di non mettersi in viaggio - salvo per motivi di urgenza e solo dopo essersi informati sulle effettive situazioni meteorologiche in corso;
  • di programmare il viaggio, se possibile, evitando di attraversare le tratte maggiormente colpite nelle fasce orarie più critiche;
  • viaggiare muniti di pneumatici invernali o in alternativa di catene a bordo, che in ogni caso devono essere montate esclusivamente in area di servizio o in area di parcheggio.

Argomenti

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it