Possibile forte rialzo dei mercati fino a fine 2022

David Pascucci

12/09/2022

11/11/2022 - 10:35

condividi

Previsto un rimbalzo in seguito alla conferenza stampa della Bce. Ecco come muoversi nei diversi mercati

Possibile forte rialzo dei mercati fino a fine 2022

Apertura ottima per le borse europee e soprattutto per il cambio EurUsd che torna a battere livelli prossimi a 1,02. Questo forte rialzo, avvenuto dall’indomani della conferenza stampa della Bce, potrebbe essere il preludio a un rimbalzo che dovrebbe durare un po’ di tempo, con le conseguenti “finte” ribassiste che fanno parte della normalissima e sana tendenza rialzista che caratterizza i trend long e, in questo caso, i rimbalzi di breve.

Facciamo una rassegna della situazione e vediamo come il mercato azionario e quello dei cambi potrebbero proseguire questa tendenza

Azionario in forte rialzo, ma attenzione ai livelli intermedi

La Bce apre a una recessione con un’inflazione ancora alta, ma che in futuro tenderà a scendere molto lentamente, mentre i mercati reagiscono, agli occhi dei più, in modo anomalo.

Si è partiti con una forte volatilità nella giornata di giovedì 8 settembre, con forti rialzi iniziali, poi di nuovo un ribasso e infine un altro rialzo.
Il venerdì si è andati a fare nuovi massimi con rialzi importanti su tutto il comparto azionario e sul Forex, specialmente nei cambi contro il dollaro americano che si è visto protagonista di ottimi ribassi sui massimi assoluti.

Dax recupera in 2 giorni circa un 5%, mentre EurUsd passa da area 0,99 a toccare quasi 1,02 nella mattinata di oggi. Questo è un chiaro rimbalzo, un forte segnale che ci conferma il fatto che il trend ribassista di lungo si sta prendendo una pausa, prima di scatenarsi definitivamente nel corso del 2023, quando si pagheranno le conseguenze di questa crisi sul lato energetico e dell’approvvigionamento sulla supply chain.

In sostanza: stiamo assistendo a un rimbalzo di “breve” che potrebbe durare fino a fine anno, come ampiamente discusso nel corso delle scorse settimane. I mercati si stanno preparando a un trend rialzista che potrebbe spiazzare la maggior parte degli operatori. In questo contesto è doveroso fare un’analisi dei mercati presi in esame nel lungo periodo, ossia Dax ed EurUsd.

Mercati europei, il Dax come riferimento

Sappiamo bene come il Dax sia l’indice con la più forte influenza a livello europeo, in quanto rappresentativo della forza rialzista sprigionata dalla liquidità immessa nel sistema finanziario nell’ultimo decennio da parte delle banche centrali. In sostanza, se il Dax sale in diminuzione di liquidità (tassi alti da parte della Bce), allora vuol dire che i mercati europei sono effettivamente pronti per un rialzo di breve.

Dax mensile Dax mensile Area blu come area di rimbalzo naturale di lungo periodo tra 12400 e 12500

Osservando il grafico, possiamo vedere come su base mensile il Dax abbia comprato e sentito nel lungo periodo area 12400, facilmente visibile nell’area blu indicata nel grafico. Questa “shadow”, ossia questa ombra formatasi nel marzo 2022, sta a indicare un’area di rimbalzo su base mensile, pattern per il momento rispettato e che il mercato sembra voler rispettare anche nel corso di questo mese.

In questo momento, il mercato quota a 13290 e, come possiamo vedere nel grafico, come livello intermedio dove potrebbe ritornare il mercato prima di ripartire, abbiamo area 12990 per poi tentare il rialzo verso i 13580, tutto nel corso delle prossime settimane.

Euro e la sua ripresa contro il dollaro

È confermato che EurUsd sotto la parità ha scosso parecchio i mercati, ed è stato un caso molto affrontato all’interno delle banche d’affari. Non è normale vedere un cambio del genere soffrire così tanto in un contesto dove l’inflazione con un cambio debole può solo che salire, andando a scapito di tutti gli investimenti in essere presenti nei vari fondi, sia speculativi che bancari.
La copertura avvenuta su euro, prima al di sotto di 0,9950 e poi con i forti acquisti in area 0,9860, hanno dato il via a un trend rialzista di lungo periodo.

In sostanza, difficilmente rivedremo euro andare lì sotto. Qualora dovesse tornare verso quei livelli, potrebbe essere ricomprato in modo molto violento. L’attuale situazione vede quindi un EurUsd in ripresa.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.