Il richiamo di Mattarella: tutelare risparmio famiglie ed equilibrio conti pubblici

Tutelare il risparmio delle famiglie e mantenere l’equilibrio dei conti pubblici sono condizione essenziale per la sovranità dell’Italia.

Il richiamo di Mattarella: tutelare risparmio famiglie ed equilibrio conti pubblici

Tutela del risparmio ed equilibrio dei conti pubblici sono condizioni essenziali per sovranità del nostro Paese. È questa la sintesi del messaggio che il Presidente delle Repubblica, Sergio Mattarella, ha inteso inviare al presidente dell’ dall’Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio, Giuseppe Guzzetti, in occasione della Giornata Mondiale del Risparmio.

La ricorrenza, che si celebra in tutto il mondo e che è giunta alla sua 94esima edizione, è l’occasione per fare il punto sulla propensione dei cittadini a risparmiare e per offrire spunti e riflessioni in materia di politica economica.

Gli italiani, secondo quanto emerso da recenti indagini, si confermano consumatori oculati e convinti risparmiatori.

Mattarella: tutelare i risparmi delle famiglie

Nel messaggio inviato all’Acri, Mattarella si sofferma sulla necessità di tutelare, così come previsto dalla Costituzione, il risparmio delle famiglie italiane, il cui valore sociale “va ben oltre la sfera individuale e familiare”.

Da una parte, infatti, proteggere i risparmi delle famiglie significa garantire loro quella “irrinunciabile libertà” che permette di scegliere i mezzi con cui sostenere le proprie scelte di vita, ma dall’altra, contribuisce anche a mantenere stabile il sistema economico-finanziario del Paese.

Per questo, scrive l’inquilino del Quirinale

“I risparmi delle famiglie rappresentano complessivamente un elemento di forza che va accuratamente tutelato”.

Risparmio ed equilibrio dei conti pubblici

Mattarella ritiene che la tutela del popolo dei risparmiatori e i conti dello Stato in ordine debbano andare di pari passo e sono “condizione essenziale dell’esercizio della effettiva sovranità del Paese”.

“La gestione del risparmio da parte dello Stato, delle imprese bancarie, degli intermediari finanziari, costituisce il motore di uno sviluppo responsabile e sostenibile, un elemento centrale dell’esercizio del credito e deve obbedire a regole di assoluta trasparenza, di saggia amministrazione delle risorse, di protezione di depositi e investimenti”

scrive il Presidente della Repubblica.

Proprio sul rispetto degli equilibri di bilancio, nelle ultime settimane in governo è in aperto contrasto con la Commissione Europea che ha bocciato la manovra, chiedendo che venga rivista. Uno scontro che, unito alle tensioni su alcune misure annunciate da Roma, hanno fatto impennare lo Spread, che anche oggi ha ha superato la soglia dei 300 punti base.

Gli italiani amano il risparmio

Ma che rapporto c’è tra gli italiani e il risparmio? Sicuramente buono. Secondo un’indagine realizzata dall’Acri in collaborazione con l’Ipsos, proprio in occasione della Giornata Mondiale del Risparmio, la propensione delle famiglie del Belpaese a risparmiare si conferma alta, all’86% pressoché identica all’anno scorso. Quelle che poi realmente sono riuscite e mettere soldi da parte sono state il 39%, percentuale che fa registrare un +2% rispetto al 2017.

“Il mese che si conclude è stato dedicato al tema della educazione finanziaria. Vanno incoraggiate tutte le iniziative a questo fine. Acquisire nozioni in materia finanziaria consente ai risparmiatori di gestire in maniera appropriata le loro scelte, sia nel credito sia nel debito, esercitando così una cittadinanza attiva su questo fronte”

l’auspicio finale del Capo dello Stato.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Sergio Mattarella

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.