IBM licenzia più di 1.000 dipendenti

IBM ha confermato il taglio di oltre 1.000 posti di lavoro. E sono previsti molti altri licenziamenti

IBM licenzia più di 1.000 dipendenti

IBM ha annunciato il licenziamento di più di 1.000 dipendenti, parte di un piano più ampio della compagnia per portare a termine, entro i prossimi 18 mesi, un taglio dello 0,5% dei suoi impiegati totali.

La circostanza era già stata anticipata tempo fa sulla community TheLayoff, ma è stata confermata solo ieri dalla società, che ha parlato di un licenziamento che riguarderà una “piccola percentuale di dipendenti”.

Si tratta, secondo diverse figure vicine al colosso informatico, di un primo provvedimento interno che punta al taglio già preventivato di uno 0,5% degli oltre 340.000 dipendenti che IBM ha in tutto il mondo. Questo dovrebbe pertanto implicare il licenziamento di circa 1.700 dipendenti.

Già nel 2016 e nel 2017 IBM aveva annunciato il taglio di diverse centinaia di posti di lavoro.

IBM licenzia più di 1.000 dipendenti

Le azioni della società sono aumentate del 16% da inizio anno, e l’obiettivo resta quello di arrivare a un’evoluzione del proprio business. Quest’ultima passa attraverso un’importante acquisizione, nell’ottica di una futura crescita dei profitti; la voce guadagni rappresenta infatti un aspetto che, al momento, non soddisfa i vertici.

Ad aprile IBM ha registrato un fatturato - relativo al primo trimestre del 2019 - in calo del 5% su base annua, e inferiore alle aspettative degli analisti.

La compagnia è nel bel mezzo di un piano per l’acquisizione del gigante software Red Hat, operazione da 34 miliardi di dollari. L’accordo dovrebbe chiudersi nella seconda metà di quest’anno.

Interpellata dalla CNBC, l’azienda ha spiegato tramite un portavoce che sta portando avanti un semplice processo di “riposizionamento del nostro team”, cercando di entrare in aree critiche che “offrono valore ai nostri clienti e a tutta IBM”.

Sono diversi gli analisti che hanno sottolineato l’importanza dell’affare Red Hat, indicandolo come cruciale per il futuro della società:

“La nostra attuale posizione positiva sul titolo si basa sulla visione favorevole dell’accordo Red Hat, che ha il potenziale per trasformare radicalmente la società, in quanto amplia significativamente capacità e portata dei clienti IBM”,

hanno scritto gli analisti di Evercore ISI Amit Daryanani e Irvin Liu.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su IBM

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.