Il primo ministro scozzese si dimette per i diritti di genere, la lotta per l’indipendenza continua

Lorenzo Bagnato

15/02/2023

15/02/2023 - 15:59

condividi

Nicola Sturgeon, primo ministro scozzese più longevo, si è dimessa questa mattina. Senza di lei, tuttavia, la lotta per l’indipendenza del Paese continuerà senza sosta.

Il primo ministro scozzese si dimette per i diritti di genere, la lotta per l’indipendenza continua

Con una mossa improvvisa e inaspettata, Nicola Sturgeon si è dimessa questa mattina. Nel tardo pomeriggio, le dimissioni saranno ufficializzate da un discorso a Edimburgo.

Molto probabilmente, Sturgeon rimarrà al potere fino a quando non verrà nominato un successore adeguato, agendo solo su questioni ordinarie fino a quel momento.

Nicola Sturgeon è stata il primo ministro scozzese più longevo, con un mandato che dura da quasi nove anni. È diventata primo ministro nel 2014 in seguito al fallito referendum sull’indipendenza e alle dimissioni del suo predecessore, Alex Salmond. È stata anche la prima donna primo ministro scozzese.

Il suo partito, lo Scottish National Party (SNP) detiene ancora un ampio sostegno popolare ed è il principale sostenitore dell’indipendenza della Scozia dal Regno Unito. Le dimissioni di Surgeon sono solo le ultime di una lunga crisi politica che sta attanagliando il Regno Unito.

Il referendum sull’indipendenza del 2014 ha preceduto di soli 2 anni il voto sulla Brexit, che ha fatto precipitare l’intero Regno Unito in tempi di crisi senza precedenti. Molti cittadini scozzesi credono di avere diritto a un altro referendum sull’indipendenza, poiché la loro ampia preferenza «Remain» per la Brexit è stata sostanzialmente annullata dai voti dell’Inghilterra.

Nicola Sturgeon era il volto della lotta per l’indipendenza scozzese. Ha servito al fianco di cinque primi ministri britannici, lottando costantemente per la libertà del suo paese. Il suo tempo, tuttavia, è scaduto.

Una crisi di genere

Il motivo delle dimissioni di Sturgeon non sarà del tutto chiaro fino a questo pomeriggio. Tuttavia, probabilmente ha a che fare con la crisi sui diritti di genere che ha infiammato il Parlamento scozzese.

Nel dicembre 2022, aveva approvato un disegno di legge sui diritti di genere, abbassando a 16 anni l’età in cui le persone potevano ottenere il riconoscimento del genere. Il disegno di legge ha anche eliminato la necessità di una diagnosi medica di genere disforia, un processo spesso umiliante per le persone transgender.

L’approvazione del disegno di legge è stata una vittoria importante per Sturgeon e il suo gruppo. Tuttavia, in un precedente storico, Londra ha annullato il disegno di legge. Sebbene faccia parte dei diritti costituzionali del governo centrale del Regno Unito, questa è la prima volta che una legge votata democraticamente da uno stato del Regno Unito viene respinta da Londra.

Sebbene ciò abbia sollevato rabbia e preoccupazioni per il popolo scozzese, ha anche dato voce alle critiche del disegno di legge. La corda alla fine si è spezzata quando Nicola Sturgeon non è riuscito a identificare il sesso di un sex offender che è stato imprigionato in una prigione per sole donne.

Isla Bryson, accusato di aver stuprato due donne, è stato rinchiuso in una prigione per sole donne a causa della sua autodichiarata identità di genere.

Il fallimento di Nicola Sturgeon nell’identificare Bryson come maschio o femmina, insieme al colpo del governo centrale di Londra, ha avviato una crisi politica a Edimburgo.

L’SNP spera di utilizzare le elezioni generali del 2024 come un "secondo referendum de facto per l’indipendenza scozzese. Il suo obiettivo è superare il 50% del voto popolare, dimostrando così a Londra che è giunto il momento del sequestro.

Ma nessuna crisi politica autoinflitta aiuterà l’SNP a raggiungere questo obiettivo, motivo per cui Nicola Sturgeon ha dovuto andarsene.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2023-02-15 12:28:02. Titolo originale: Scotland Prime Minister Resigns over Gender Rights, fight for Independence Continues

Argomenti

# Scozia
# Brexit

Iscriviti a Money.it

Correlato