Le città più costose al mondo: la nuova classifica 2020

18 novembre 2020 - 17:47 |

Ecco la classifica delle città più care in cui vivere e quelle meno costose: i dati del Worldwide Cost of Living Report 2020 che mostrano come la pandemia di Covid-19 abbia influenzato i prezzi di beni e servizi.

Le città più costose al mondo: la nuova classifica 2020

Quali sono le città più costose del mondo in cui vivere durante il Covid-19? La risposta è nel Worldwide Cost of Living Report 2020, la nuova edizione del report di The Economist Intelligence Unit (EIU). Quest’anno la classifica non è più dominata dalle asiatiche Singapore e Osaka, perché due città europee affiancano per la prima volta Hong Kong sul podio.

Diamo un’occhiata alla classifica delle città più care al mondo nel 2020 e vediamo come è stata influenzata dalla pandemia di coronavirus.

Città più care del mondo 2020

Le prime 10 posizioni in classifica sono occupate da:

1. Zurigo - Svizzera 

1. Parigi - Francia 

1. Hong Kong - Cina

4. Singapore - Singapore 

5. Tel Aviv - Israele
5. Osaka - Giappone
7. Ginevra - Svizzera
7. New York - USA
9. Copenhagen - Danimarca
9. Los Angeles - USA

Le 5 città meno costose al mondo

All’altra estremità della classifica troviamo le 5 città più economiche. Si tratta di:

  1. Damasco - Siria
  2. Tashkent - Uzbekistan
  3. Lusaka - Zambia
  4. Caracas - Venezuela
  5. Almaty - Kazakistan

Le altre città con il costo della vita più basso sono Karachi (Pakistan), Buenos Aires, Algeri e Chennai (India).

I dati del report

La classifica delle città più costose del mondo è il risultato dell’indagine condotta da EIU ogni sei mesi, in cui vengono messi a confronto i prezzi di 138 beni e servizi in oltre 130 città in tutto il mondo. La città base nell’indice è New York.

La nuova edizione del report mostra come la pandemia di coronavirus abbia influenzato il costo della vita (e quindi la classifica delle città più care) dall’inizio del 2020. Proprio come l’anno scorso, 3 città condividono il primo posto come città più cara del mondo in cui vivere. Hong Kong è ora affiancata da Parigi e Zurigo, che hanno superato Singapore e Osaka, scese al 4° e 5° posto.

Secondo lo studio, il balzo di Parigi e Zurigo al primo posto è stato dovuto al rafforzamento del franco svizzero e dell’euro. La pandemia ha indebolito il dollaro USA e rafforzato le valute dell’Europa occidentale e dell’Asia settentrionale, facendo spostare i prezzi di beni e servizi.

Singapore, scesa al 4° posto, ha visto i prezzi scendere a causa dell’esodo di lavoratori stranieri: per la prima volta in 17 anni la popolazione della città-stato ha avuto un calo.

Gli aumenti di prezzo maggiori quest’anno si sono registrati a Teheran, che ha scalato la classifica dal 106° al 79° posto in un anno, a causa delle sanzioni USA. Le città con i maggiori ribassi da inizio pandemia sono state Reykjavik, Rio de Janeiro e San Paolo.

Ma non è solo un saliscendi di città in classifica. Il report rileva anche i settori che hanno visto crescere e diminuire di più i prezzi di beni e servizi: elettronica più costosa, abbigliamento più economico. I prezzi dei generi alimentari di prima necessità sono rimasti grossomodo invariati, mentre i quelli dei prodotti per la cura personale, tabacco e alcol sono aumentati.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

2095 voti

VOTA ORA