Valute: come mai sia le svalutazioni che le rivalutazioni creano disastri?

Come mai per una valuta può essere un problema sia la svalutazione che la rivalutazione?

Un lettore di forexinfo.it ha inviato una domanda alla redazione sui problemi legati al cambiamento di valore delle valute sul mercato forex e della relativa incidenza sulle economie delle nazioni che utilizzano la valuta stessa: come mai, si chiede il lettore, i media annunciano catastrofi sia quando una moneta si apprezza sia quando si deprezza? Ecco la domanda originale:

Chiedo una spiegazione, da ignorante quale sono in campo economico: da sempre sento enunciare i disastri di monete che subiscono forti svalutazioni, e contemporaneamente,i grossi problemi derivanti a monete che si apprezzano troppo.
Mi pare una grossa contraddizione.
Come si può interpretarla?

Risponde il Maestro Doji della Scuola di Trading:

Caro lettore, la domanda di per sè non è banale e può certamente essere la base per molti ragionamenti sull’economia e soprattutto su come la stessa venga comunicata dai media che fanno informazione, spesso scadendo un pochino sul sensazionalismo per meri motivi di vendita del giornale.

La contraddizione che lei individua in realtà non c’è dato che effettivamente per un’economia la variazione eccessiva e troppo veloce del valore della propria valuta può essere un problema grave, sia che questo eccesso si manifesti al rialzo sia che si manifesti al ribasso.

Ovviamente cause e conseguenze di un eccesso (troppa svalutazione) sono diverse e per certi versi speculari a quelle dell’eccesso opposto (troppa rivalutazione).

In un mondo ideale il mercato Forex, ovvero il mercato valutario (per approfondire leggere cos’è il Forex sulla Scuola di Trading), svolge un ruolo di equilibratore delle varie economie, spingendo ogni economia a trovare un equilibrio rispetto alle altre (in termini per esempio di import-export, quindi di bilancia commerciale) che viene poi riflesso da un relativo equilibrio sui mercati valutari.

Come sa bene chi opera come trader sul Forex questa relativa stabilità quasi mai si realizza in concreto (e questo per i trader è un aspetto positivo poiché genera le condizioni per poter fare profitti su trend definiti), vuoi per uno scarso coordinamento tra le economie, vuoi per politiche errate di alcuni Paesi, senza dimenticare gli scompensi dovuti a shock e crisi economiche e sociali, non ultime le guerre. Molto interessante sotto questo punto di vista il libro shock economy, leggendolo vedrà che ad ogni crisi economica o sociale di un dato Paese è corrisposta una crisi sul mercato valutario, e non sempre chi è stato chiamato a risolvere la situazione si è comportato in modo saggio e utile a far rientrare in fretta la crisi.

Per terminare la risposta vediamo un attimo quali problemi (a volte davvero catastrofi) possono creare un eccesso di valutazione della moneta o una svalutazione eccessiva:

Eccesso di rivalutazione
Si ha in genere quando l’economia va bene e si «scalda» troppo: un’economia forte e in crescita attrae investimenti esteri, ha una bilancia commerciale positiva (quindi esporta merci e importa valuta) e finisce per avere una moneta sempre più apprezzata perché continuamente acquistata proprio per i motivi di cui sopra. Era il problema della Germania con il suo Marco tedesco prima dell’ingresso nell’Euro. Un Marco troppo forte rendeva sempre più costoso per gli acquirenti esteri l’acquisto di merci tedesche, se non si fosse fissato il cambio attraverso l’unione monetaria il Marco troppo forte si sarebbe posto come limite alla crescita tedesca (a un certo punto gli importatori avrebbero trovato più vantaggioso produrre in casa ciò che importavano dalla Germania), mettendo in crisi le aziende che sarebbero finite per andare fuori mercato per semplici questioni valutarie.

Un problema simile lo ha avuto più di recente la Svizzera che per via della crisi vedeva il Franco Svizzero acquistatissimo sui mercati fino ad arrivare a una parità tra Ero e Franco al culmine della crisi da eccessiva rivalutazione. I rischi per l’economia Svizzera erano grandi e così da diversi anni la Banca Centrale Svizzera difende letteralmente la debolezza del cambio, avendo fissato a 1,20 franchi per euro il limite massimo accettabile alla rivalutazione del Franco, limite difeso peraltro per l’ennesima volta pochi giorni fa, se ne è parlato diffusamente su forexinfo.it.

Eccesso di svalutazione
Questo è un problema tipico delle economie deboli che non riescono a sostenere abbastanza il valore della valuta, quasi sempre a causa di una bilancia commerciale molto sbilanciata in senso negativo. Se un Paese importa sistematicamente più di quanto esporta dovrà per forza inflazionare l’economia «stampando» i soldi necessari al pagamento delle importazioni in eccesso. Questo comporterà una svalutazione progressiva della valuta fino a che la «fiducia del mercato» sull’effettivo valore della stessa verrà meno creando un boom svalutativo che renderà semplicemente impossibile per il Paese importare quanto richiesto dal mercato interno. Alla fine di un percorso del genere ci sono in genere il default sovrano o il «soccorso» del FMI in cambio di dolorose riforme, anche riguardo a questo il libro Shock Economy menzionato sopra propone una ricca carrellata di situazioni in cui ciò si è verificato.

Un esempio di cronaca recente su questo tipo di situazione è il Venezuela che poteva sostenere la sua economia, e quindi la sua valuta, sulla base di un petrolio esportato a prezzi alti, situazione venuta a mancare con il recente crollo del prezzo del petrolio. Una situazione molto simile ad oggi riguarda la Russia, appesantita anche dall’embargo e dalle sanzioni occidentali, e infatti in questo periodo anche il rublo sta crollando.

Spero che la risposta abbia soddisfatto la domanda e che sia stata utile a capire quanto seguire il mercato Forex sia fondamentale per capire come va il mondo e non solo per fare trading e speculazione.

Arigatò!

M. Doji

Iscriviti alla newsletter Formazione Finanziaria

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.