TIM: ricarica in ritardo? Aumento in arrivo

Ricarica in ritardo? TIM permetterà di utilizzare giga e minuti illimitati per 48 ore ma con un aumento dell’offerta. Ecco tutti i dettagli.

TIM: ricarica in ritardo? Aumento in arrivo

Brutta sorpresa per i clienti TIM mobile: da aprile i clienti dell’operatore telefonico che ricaricano in ritardo riceveranno un aumento alla successiva ricarica, potendo però continuare a utilizzare minuti e giga nelle 48 ore successive allo scadere della propria offerta.

TIM si allinea quindi con quanto già fatto da Vodafone, che ha previsto lo stesso tipo di aumento se si ricarica in ritardo allo scadere della promozione prevista dal piano tariffario. Il rincaro previsto sarà comunicato agli utenti tramite un SMS informativo, vediamo insieme tutti i dettagli dei nuovi costi previsti (che verranno applicati a partire dal 28 aprile).

Ti potrebbe interessare Passa a Wind: le migliori offerte di marzo 2019

TIM: aumento di 0,90€ per chi ricarica in ritardo

L’addebito previsto da TIM metterà in crisi i ritardatari: chi non ricarica in tempo, allo scadere dell’offerta mensile, potrà continuare a utilizzare i giga internet e i minuti senza limiti, non andando a scalare quelli previsti dal piano tariffario, al costo però di 0,90 centesimi di euro al giorno per le successive 48 ore.

Se non si ricarica entro due giorni quindi il costo aggiunto al prezzo della normale offerta ricaricabile sarà corrispondente a 1,80 euro in più. Si tratta di una modifica contrattuale applicata da TIM che scontenterà non poco gli utenti: per evitare il rincaro bisognerà prestare attenzione dalla data di scadenza dell’offerta sottoscritta dalla vostra SIM, ricaricando in tempo fino al giorno prima.

Il problema è facilmente aggirabile da chi ha sottoscritto il servizio TIM Ricarica Automatica, che permette di ricaricare il proprio numero il giorno prima dello scadere dell’offerta tramite carta di credito, conto corrente e TIM Pay.

I clienti non soddisfatti potranno comunque passare a un altro operatore senza pagare penali o costi di disattivazione, a patto che procedano per questa opzione entro il 27 aprile. Chi ha comprato uno smartphone a rate con TIM, come il nuovo Samsung Galaxy S10 o iPhone Xs potrà comunque disdire il proprio contratto continuando a pagare a rate solo il dispositivo acquistato.

Per procedere alla disattivazione di TIM, e passare a un altro operatore, si possono compilare i moduli cessazione linea e diritto di recesso disponibili sul sito ufficiale TIM, oppure inviare una PEC a disattivazioni_clientiprivati@pec.telecomitalia.it o rivolgenosi ai Negozi ufficiali TIM. Per maggiori informazioni è possibile contattare il numero 409168.

Iscriviti alla newsletter "Tech" per ricevere le news su TIM

Argomenti:

TIM Smartphone

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.