Zone rosse: le province che potrebbero cambiare colore

Le Regioni continuano a chiedere al governo di poter applicare i 21 parametri alle singole province per allentare, dove la situazione sanitaria è migliore, le misure restrittive in atto: diverse zone così potrebbero passare da rosse ad arancioni o gialle.

Zone rosse: le province che potrebbero cambiare colore

A breve ci potrebbe essere un piccola rivoluzione per quanto riguarda il meccanismo di classificazione, introdotto dall’ultimo DPCM, delle Regioni nelle tre zone di rischio: rossa, arancione e gialla.

La grande novità è che le singole province potrebbero cambiare colore, da rosso o arancione a giallo per esempio, sempre in base ai dati dei famosi 21 parametri tra cui anche quello dell’indice Rt.

Da giorni i presidenti di Regione sono in pressing a riguardo sul governo, con i ministri Speranza e Boccia che sembrerebbero essere orientati al disco verde ma ancora la fumata bianca decisiva non è arrivata.

L’intento è quello di non penalizzare alcune zone che, nonostante una situazione sanitaria sotto controllo, si trovano a essere in zona rossa o arancione visto che il meccanismo in atto valuta le Regioni e non le singole province.

Le province che potrebbero cambiare colore

Il sistema di valutazione dell’Italia in tre zone di rischio potrebbe presto cambiare. Tra le tante richieste di modifica arrivate sul tavolo del governo, ce n’è una che a breve potrebbe ottenere il via libera.

Come invocato dai presidenti, i 21 parametri finora applicati soltanto alle Regioni potranno essere considerati anche per le singole province, che così potranno cambiare colore in base alla situazione sanitaria legata al coronavirus.

Al momento questa è la situazione dell’indice Rt nelle varie province delle Regioni che attualmente sono zona rossa: se il valore è superiore a 1.5 allora è da zona rossa, tra 1.25 e 1.5 è da arancione mentre sotto 1.25 è da zona gialla.

Lombardia

  • Como 1.93
  • Bergamo 1.72
  • Brescia 1.64
  • Mantova 1.60
  • Lecco 1.61
  • Monza e Brianza 1.55
  • Cremona 1.45
  • Lodi 1.41
  • Milano 1.36
  • Sondrio 1.23
  • Pavia 1.22

Cremona, Lodi, Milano e Sondrio sarebbero zona arancione, mentre Pavia diventerebbe gialla.

Piemonte

  • Biella 1.60
  • Verbano Cusio Ossola 1.49
  • Vercelli 1.45
  • Cuneo 1.40
  • Asti 1.32
  • Alessandria 1.31
  • Torino 1.29
  • Novara 1.25

In Piemonte solo Biella resterebbe rossa, mentre tutte le altre passerebbero ad arancioni.

Valle d’Aosta

  • Aosta 1.74

L’unica provincia di Aosta resterebbe zona rossa.

Alto Adige

  • Bolzano 1.59

Anche Bolzano resterebbe zona rossa

Toscana

  • Arezzo 2.98
  • Livorno 2.21
  • Pistoia 2.18
  • Prato 2.16
  • Grosseto 1.89
  • Lucca 1.77
  • Firenze 1.71
  • Massa 1.70
  • Siena 1.43
  • Pisa 1.28

Solo Pisa e Siena in Toscana passerebbero da zona rossa ad arancione.

Abruzzo

  • Chieti 1.64
  • Teramo 1.55
  • Pescara 1.34
  • L’Aquila 1.08

In Abruzzo la provincia di Pescara diventerebbe arancione, mentre quella de L’Aquila passerebbe a gialla.

Campania

  • Salerno 2.86
  • Avellino 2.80
  • Benevento 2.07
  • Napoli 1.68
  • Caserta 1.53

Tutta la Campania resterebbe zona rossa.

Calabria

  • Crotone 1.67
  • Catanzaro 1.65
  • Vibo Valentia 1.57
  • Reggio Calabria 1.37
  • Cosenza 1.33

Diventerebbero zona arancione le province di Reggio Calabria e Cosenza.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories