Pensione precoci: chi può accedere alla misura e con quali requisiti?

Lorenzo Rubini

12 Gennaio 2021 - 12:38

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La pensione precoci non è una misura molto elastica e non permette l’accesso a chiunque abbia iniziato a lavorare in giovanissima età.

Pensione precoci: chi può accedere alla misura e con quali requisiti?

Chi sono i lavoratori precoci? La normativa individua il lavoro precoce laddove esistono almeno 12 mesi di contributi, derivanti da lavoro effettivo, accreditati prima del compimento dei 19 anni. I lavoratori precoci, quindi, sono coloro che hanno iniziato a lavorare prima di compiere la maggiore età, sacrificando la propria giovinezza al lavoro. E proprio per questi lavoratori sono previste delle agevolazioni a livello previdenziale, ma solo in presenza di determinati requisiti.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Volevo chiedere se potevo andare in pensione a 55 anni con 23 di contributi sono un O.s.s.e opero in una casa di riposo con turni ho iniziato a lavorare a 18 anni quindi precoce.”

Pensione precoci

La normativa vigente prevede delle agevolazioni per il pensionamento dei lavoratori precoci grazie alla quota 41 cui possono accedere coloro che hanno maturato almeno 41 anni di contributi, rientrando nei lavoratori precoci, che possono riconoscersi in uno dei profili di tutela previsti dalla misura.

I lavoratori precoci, con almeno 41 anni di contributi che possono accedere alla quota 41 sono:

  • lavoratori disoccupati a causa di licenziamento, anche collettivo, che hanno terminato da almeno 3 mesi di fruire dell’intera Naspi spettante;
  • lavoratori con invalidità pari o superiore al 74%;
  • lavoratori che al momento della domanda assistono da almeno 6 mesi un familiare convivente con handicap grave in base alla legge 104 del 1992;
  • lavoratori addetti alle mansioni gravose o a lavori usuranti.

Nel suo caso, pur rientrando tra i lavoratori precoci, quindi, non avendo maturato i 41 anni di contributi necessari per accedere alla quota 41, non è prevista alcuna agevolazione nel pensionamento.

Con soli 23 anni di contributi, pertanto, dovrà attendere il compimento dell’età necessaria all’accesso alla pensione di vecchiaia che, per il 2021 rimane fissata a 67 anni ma che nei prossimi anni potrebbe subire un aumento a causa dell’adeguamento all’aspettativa di vita Istat.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories