ISEE Università genitori divorziati: quali redditi bisogna inserire?

Lorenzo Rubini

31 Luglio 2021 - 19:16

condividi

Nel compilare le DSU per richiedere l’ISEE Università, quali sono i redditi di cui tenere conto in caso di genitori divorziati?

ISEE Università genitori divorziati: quali redditi bisogna inserire?

L’ISEE Università permette allo studente di poter beneficiare di diverse agevolazioni che vanno dall’abbattimento delle tasse di iscrizione ad agevolazioni nella ricerca dell’alloggio nello studentato universitario. Uno dei problemi principali che riguardano, però, l’ISEEU è rappresentato dai redditi di cui tenere conto in caso di genitori divorziati.

Rispondiamo ad un nostro lettore che ci scrive:

“Buongiorno
Sono il papà di un ragazzo di 19 anni e mio figlio si è appena iscritto all’università. Noi genitori dovremmo procedere a fare l’ISEE 2021 x le agevolazioni tasse universitarie , però siamo genitori divorziati e mio figlio vive con la mamma .Chi deve richiedere l’ISEE? Entrambi genitori o solo la mamma ? Io , papà, devo presentare comunque il mio stato patrimoniale all’ISEE della mamma?
Grazie infinite e Buongiorno”.

ISEE genitori divorziati

La normativa di riferimento per i genitori separati e quelli divorziati è la stessa e prevede che i figli maggiorenni siano inseriti nel nucleo familiare del genitori cui sono fiscalmente a carico. Nel caso che il figlio, studente universitario, pur convivendo solo con uno dei due genitori sia fiscalmente a carico di entrambi, a presentare richiesta di ISEE deve essere il genitore con cui i figli convivono.

Nel vostro caso, quindi, se suo figlio a dover presentare domanda di ISEE dovrà essere la mamma facendo nucleo familiare con il figlio.
Nella compilazione della DSU per l’ISEE Università è da indicare, nel quadro C del modello MB2, che «nel nucleo familiare è presente un solo genitore mentre l’altro non risulta coniugato nè convivente».

Nel quadro D, solo se esiste un provvedimento del giudice (ma essendo divorziati esiste) bisogna barrare la prima casella (Il genitore non convivente si trova in una delle seguenti condizioni). Nel caso di genitori divorziati, infatti, il genitore non convivente non viene mai attratto nel nucleo familiare del figlio.

La mamma, però, nella compilazione della DSU dovrà indicare la quota annuale che percepisce a titolo di assegno di mantenimento per il figlio. Per rispondere alle sue domande, quindi, a presentare l’ISEE è la mamma (lei non è obbligato) e i dati reddituali del papà nello stesso non andranno inseriti, a patto che ci sia un provvedimento del giudice circa il mantenimento dei figli.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

# ISEE
# ISEEU

Iscriviti a Money.it