Il mistero degli 11mila uccelli morti in Germania: si teme una nuova epidemia

In Germania è strage di uccelli a causa di una nuova e misteriosa malattia. C’è il rischio di una nuova epidemia? Ecco cosa sta succedendo.

Il mistero degli 11mila uccelli morti in Germania: si teme una nuova epidemia

È mistero in Germania: nelle ultime settimane sono stati trovati morti migliaia di uccelli. In questa strage sono coinvolte in particolare le cinciarelle, piccoli volatili dal piumaggio colorato che vivono perlopiù nella zona occidentale del territorio tedesco.

Scienziati e associazioni per la tutela degli animali sono in allarme: non è ancora chiaro infatti il motivo della morte di così tanti esemplari e si teme lo scoppio di una nuova epidemia. C’è rischio anche per l’uomo? Ecco cosa sta accadendo.

Germania, nuova epidemia fa strage di uccelli: è mistero

Migliaia di uccelli stanno morendo in Germania. I casi registrati fino a oggi superano la soglia degli 11.000, per la gran parte cinciarelle. È quanto dichiarato dall’associazione tedesca NABU che nelle ultime due settimane ha raccolto queste numerose segnalazioni di decessi da tutto il territorio tedesco, in particolare dall’ovest della Germania.

Ora scienziati e specialisti si sono mobilitati per far luce sul misterioso caso. Secondo il rapporto rilasciato da NABU, tra i sintomi riscontrati negli uccelli malati si presentano problemi respiratori, inappetenza e letargia. Gli animali infatti non sono più molto reattivi e non tentano di scappare quando le persone provano ad avvicinarli.

I risultati dei primi test compiuti sugli esemplari morti hanno riscontrato la presenza di un’infezione respiratoria di tipo batterico, la suttonella ornithocola. Questa malattia aviaria è stata riscontrata per la prima volta nella popolazione di cinciarelle in Gran Bretagna negli anni ’90. Adesso si sta procedendo a verificare che sia davvero questa l’infezione che sta colpendo gli uccelli in territorio tedesco. I risultati di test più approfonditi sono attesi per la fine del mese.

Allarme nuova aviaria: c’è rischio per l’uomo?

Per il momento non vi sono certezze rispetto a ciò che abbia causato la morte di così tanti uccelli in Germania. La diffusione rapida della malattia è da imputare probabilmente al fatto che spesso i volatili si riuniscano attorno a mangiatoie e abbeveratoi comuni. Per questo motivo NABU ha invitato i cittadini tedeschi a interrompere il rifornimento di cibo e acqua a questi animali, in modo da ridurre il rischio di trasmissione tra loro.

Per quanto riguarda l’uomo, gli studiosi non hanno dato alcun allarme su un eventuale rischio di trasmissione. Dai primi controlli inoltre emerge che nessun altro animale sia stato per ora colpito dagli stessi sintomi.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories