Esenzione bollo auto per legge 104: quando spetta?

Lorenzo Rubini

3 Ottobre 2021 - 19:07

condividi

Non a tutti i portatori di handicap cui è stata riconosciuta la legge 104 spetta l’esenzione dal bollo auto, prevista per determinate categorie soltanto.

Esenzione bollo auto per legge 104: quando spetta?

L’esenzione dal pagamento del bollo auto non spetta automaticamente a tutti coloro che sono portatori di handicap e hanno riconosciuta la legge 104. E non spetta neanche a tutti gli invalidi, a differenza di quello che si potrebbe pensare.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno, sono portatore di invalidità civile del 85%, mi è stato riconosciuta la legge 104/92 art 3 comma1.
Mi è riconosciuta da parte dell Inail una invalidità percentuale 30%.
Il tutto è riconosciuto al fatto che ho una stabilizzazione vertebrale da D10 a S1 ,con difficoltà motorie più altre patologie.
Detto questo Le chiedo gentilmente se io posso avere l esenzione bollo auto, premetto che sono 4 anni che non guido e mi faccio accompagnare ,inoltre cammino con l’aiuto di racchette da trekking. Ringraziandolo le invio Distinti Saluti” .

Esenzione bollo auto invalidi

Come affermavano anche in apertura dell’articolo, quindi, l’esenzione dal pagamento del bollo auto non spetta indistintamente a tutti i disabili o a tutti i titolari di legge 104.

Spetta ai titolari di legge 104 con articolo 3 comma 3:

  • ai disabili con handicap fisico o mentale che siano titolari anche di indennità di accompagnamento,
  • ai disabili con grave limitazione delle capacità di deambulare
  • ai disabili affetti da pluriamputazioni.

In tutti e tre i casi è richiesto il riconoscimento dell’handicap con gravità.

L’esenzione poi, è riconosciuta anche ai sordi, non vedenti ed ipovedenti gravi con residuo visivo non superiore a 1/10 e agli invalidi civili con ridotte o impedite capacità motorie. In questo ultimo caso per fruire dell’esenzione è necessario che il mezzo di trasporto sia adattato alle ridotte capacità motorie del disabile.

Se sul verbale dell’invalidità civile è riportata la dicitura “Persona con ridotte o impedite capacità motorie permanenti (art. 8 legge 27 dicembre 1997 numero 449) l’agevolazione spetta senza bisogno di adattamento del veicolo.
Per ottenere l’esenzione, infatti, è necessario esibire copia della certificazione rilasciata dalla Commissione Medica che attesti la patologia che comporta le dirotte o impedite capacità motorie.

Per rispondere alla sua domanda, quindi, se sulla sua certificazione di riconoscimento di legge 104 è riportato che ha limitate capacità di deambulazione può certamente fruire dell’esenzione dal pagamento del bollo auto. Per averne diritto, in ogni caso, deve presentare apposita domanda all’ACI se risiede in una regione convenzionata con l’ACI, o agli uffici tributi della propria Regione o all’Agenzia delle Entrate.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti a Money.it