Deutsche Bank: record utili primo trimestre 2021, il migliore in 7 anni

Riccardo Lozzi

28/04/2021

05/05/2021 - 14:28

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Primo trimestre del 2021 da record per Deutsche Bank, che ha registrato il suo miglior risultato dal 2014 in termini di utili.

Deutsche Bank: record utili primo trimestre 2021, il migliore in 7 anni

Deutsche Bank ha chiuso il primo trimestre del 2021 con il suo miglior risultato degli ultimi 7 anni in termini di utili.

Un successo dovuto principalmente alle attività in titoli fixed income, i quali hanno registrato performance migliori rispetto a quelli in possesso dei concorrenti internazionali.

Non solo. La banca di Francoforte è riuscita a schivare le perdite del caso Archegos Capital, l’hedge fund che ha causato circa 6 miliardi di dollari di perdite ai maggiori istituti di credito del mondo.

Deutsche Bank: record utili primo trimestre 2021

Le rendite derivanti dalle operazioni riguardanti le obbligazioni a reddito fisso è così aumentato del 34% nei primi tre mesi del 2021, ovvero circa il doppio rispetto al 17% ottenuto dalle maggiori banche di investimento degli USA, rappresentando il terzo trimestre consecutivo in cui Deutsche Bank ha conseguito un risultato migliore dei propri competitor in questo settore.

I ricavi globali, trainati dal fixed income, sono cresciuti invece del 32%, portando a un utile netto di 908 milioni di euro.

Un traguardo che non si raggiungeva dal 2014 e ben oltre le previsioni degli analisti che avevano stimato un risultato di poco maggiore a 642,9 milioni di euro di utile netto. Meglio, nello stesso intervallo di tempo, ha fatto solo l’americana Morgan Stanley.

Miglior risultato degli ultimi 7 anni

I vertici di Deutsche Bank hanno avvertito come il trend dei guadagni potrebbe presto rallentare, ma intanto si godono il momento, con il CEO Christian Sewings che ha previsto che le entrate totali torneranno al livello dello scorso anno.

Il successo ottenuto ha sorpreso, ovviamente in maniera positiva, così diversi dirigenti di Deutsche Bank. Tra questi anche il direttore finanziario del gruppo James von Moltke, il quale, intervenendo a Bloomberg TV, ha dichiarato: “Non ci saremmo aspettati un risultato simile in questo trimestre”.

Scampato pericolo Archegos

Questa performance è il risultato di una strategia messa in atto nel 2019 dall’amministratore Christian Sewings che, negli ultimi due anni, ha riportato Deutsche Bank nel suo storico ambito di competenza del prestito societario, sfilandosi contemporaneamente dal mercato azionario e rinunciando alle attività di prime brokerage verso gli hedge fund.

Probabilmente, anche grazie a una tattica del genere già impostata, il gruppo d’investimento ha potuto lasciare in tempo le proprie posizioni assunte nel fondo Archegos, riuscendo così a evitare qualsiasi genere di perdita.

Una mossa che, invece, non è riuscita a UBS e Nomura, le quali hanno annunciato, rispettivamente, perdite per 861 milioni e 2,9 miliardi di dollari. Ancora peggio è la situazione di Credit Suisse che ha dichiarato una svalutazione di 4,7 miliardi di dollari a causa di questa vicenda.

Argomenti

# Banche

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories