Breve storia della Moneta dall’antichità ad oggi

Cos’è il denaro e quale è la sua storia? Ecco una breve panoramica sulle valute e sul loro affascinante percorso nelle varie epoche storiche fino ai nostri giorni fatti di moneta elettronica e trading online.

Breve storia della Moneta dall'antichità ad oggi

Non tutti si sono posti nella loro vita una domanda forse banale ma dalla risposta tutt’altro che priva di interesse: quando nacque la moneta e quale è la sua storia?
Tutto quello che vi siete sempre chiesti sulla storia del denaro e quindi, in qualche modo, del mercato Forex in un affascinante viaggio nelle varie epoche.

Il denaro appare per la prima volta in Cina nel 3000 a.C., questi pezzi di metallo hanno avuto varie forme. Un segno distintivo che autenticasse la moneta verrà poi utilizzato a partire dal 1530 a.C. circa.

Intorno al 650 a.C., vengono prodotte le monete nella forma attuale in Lydia (Turchia), fatte da una lega di oro e d’argento. Intorno al 550 a.C., le prime monete di oro e argento puro sono apparse grazie ai progressi nel campo della metallurgia. In un solo secolo, l’uso di monete si diffuse in tutta la Grecia, seguita dalla Gallia (che sarebbe diventata la Francia) nel 450 aC.

Durante questo periodo, ogni città greca caratterizzò la sua moneta (in argento) con il suo emblema. A partire dal regno di Alessandro Magno (334-324 a.C.), il ritratto del re fu gradualmente sostituito ai simboli incisi sulle monete, fino alla nascita delle repubbliche moderne.

Le lettere di cambio appaiono nel Medioevo

Dal V secolo d.C. fino al medioevo le monete furono raramente utilizzate al di fuori dei regni. Nel X secolo il commercio si estese a livello nazionale ed europeo.

Culture, quindi valute si incontrarono nelle aree di scambio. Per facilitare i pagamenti tra i paesi, le lettere di cambio furono create nel 1291 a Firenze. Esse consentivano di fissare tassi di cambio e tassi di interesse.

Questo produsse intere fortune per i banchieri privati come quelli della famiglia Medici. Le lettere di scambio sono state utilizzate nel primo vero e proprio scambio di mercato, che è stato a Bruges, in Belgio, nel 1409.

I mercati finanziari in Europa nei tempi moderni

Nel XVI secolo, il commercio internazionale cresceva rapidamente e apparvero in Europa i primi mercati finanziari. In questi mercati i tassi di cambio tra le valute variavano a seconda delle bilance commerciali dei paesi. Alcuni operatori cominciano a guadagnare profitti dalle differenze nei tassi di cambio.

Nel 1572, furono approvati regolamenti, emanati dal Governo, che utilizzavano lettere di cambio per finanziare le spese, e furono nominati gli agenti di cambio.

L’uso del gold standard nella contemporaneità

Fino al XIX secolo, non c’era davvero alcuna valuta dominante. Tutto cambiò nel 1866, quando il cavo transatlantico collegò gli Stati Uniti e l’Europa e divenne una pietra miliare nella storia della comunicazione per gli scambi tra la Sterlina e il Dollaro.

Molte banche straniere si stabilirono in Inghilterra, che divenne il primo centro finanziario del mondo. Gli scambi erano principalmente condotti in Sterline inglesi, ma l’oro era ancora considerato come la valuta di riserva più affidabile, infatti tutte le valute erano convertibili in oro.

Ogni banca centrale doveva garantire la convertibilità della propria valuta con le riserve in oro, questo è ciò che noto come il gold standard. Tra il 1879 e il 1914, i tassi di cambio fluttuarono, ma rimasero stabili.

La Prima Guerra Mondiale nel 1914 pose fine al gold standard. I paesi spesero notevoli somme di denaro per finanziare la guerra e stamparono quanto più denaro possibile. A causa di una maggiore inflazione, i paesi alla fine furono costretti a sospendere la convertibilità della loro moneta in oro.

Dopo la guerra, i tassi di cambio furono fissati dallo Stato: Francia e Inghilterra adottarono alti tassi di interesse al fine di creare valute più forti.

Nel 1922, gli accordi Genova implementarono il Gold Exchange Standard, che dichiarò che alcune valute potevano essere convertibili in oro. Le valute non convertibili in oro poterono a loro volta essere convertite in un’altra valuta (il franco, il dollaro e la sterlina britannica).

Nel 1925, il Regno Unito ancora una volta adottò il gold standard. Nonostante la notevole inflazione del dopoguerra, il governo attuò una politica monetaria drastica per tornare alla parità prebellica. Il maggior valore della sterlina rispetto all’oro portò alla deflazione dell’economia del Regno Unito. Il gold standard fu ripristinato in Francia nel 1928.

La crisi economica del 1929, ancora una volta mise fine al sistema del gold standard. Nel 1931, Gran Bretagna, Germania e Giappone lo abbandonarono, seguiti nel 1933 dagli Stati Uniti. La Francia abbandonò la convertibilità del franco nel 1936. Il mondo era ora diviso in entità monetarie.

Gli accordi di Bretton Woods e il sistema monetario internazionale

La seconda guerra mondiale del 1939-1945 ha segnato la supremazia del dollaro. Nel 1944, gli accordi di Bretton Woods, che riunirono 44 paesi, istituirono il primo vero Sistema Monetario Internazionale (IMS) per controllare le fluttuazioni valutarie e ripristinare la stabilità economica.

L’accordo stabilì che solo il dollaro poteva essere convertibile in oro, ad un tasso fisso di 35 dollari per oncia. A quel tempo, gli Stati Uniti detenevano i tre quarti delle riserve auree mondiali. Le banche centrali furono costrette a intervenire per mantenere la parità della loro moneta con il dollaro.

I deprezzamenti valutari tra paesi divennero impossibili, assicurando in tal modo il principio del libero scambio. Il FMI (Fondo Monetario Internazionale) fu creato proprio per regolare l’IMS.
Nel 1971, la convertibilità del dollaro fu sospesa e le banche centrali non supportarono più il dollaro, che fu svalutato più volte.

Il mercato della moneta fluttuante (il mercato forex)

Nel 1972, l’accordo di Basilea ha istituito il serpente della moneta europea. I paesi si impegnarono a stabilizzare le loro valute con un margine massimo di + / - 2,5%. La svalutazione del dollaro, che è aumentata tra il 1972 e il 1978, costrinse subito la maggior parte delle valute fuori dal serpente.

Nel 1973, il Sistema Monetario Internazionale è passato a un tasso di cambio fluttuante. Il mercato del forex stava prendendo forma. La fine del sistema monetario di Bretton Woods ha causato uno sconvolgimento nel mondo della finanza. Da quel momento, la creazione di moneta si intensificò; oltre a non essere più tenuti a mantenere i tassi di cambio, i paesi in deficit poterono ora facilmente prendere in prestito denaro nei mercati finanziari.

Nel gennaio 1976, gli accordi in Giamaica ufficializzarono definitivamente la fine degli accordi di Bretton Woods. Il mercato dei cambi fu liberalizzato: non c’erano più regole che sorvegliassero i tassi di cambio tra le valute, l’oro non era più uno strumento di riserva e i paesi furono invitati a adottare un sistema di cambio fluttuante.

Si stabilì uno standard comune denominata ECU (il predecessore di EURO). L’accordo precisa che le banche centrali si impegnano a mantenere il tasso di cambio della loro moneta entro un margine di + / - 2,5% di distanza dalla parità centrale.

Nel 1985, sotto la pressione del gruppo dei cinque (Stati Uniti, Giappone, Germania, Regno Unito e Francia) il dollaro fu svalutato.

Nel 1986, il mercato liberalizzato di Londra divenne un importante centro finanziario.

Il forex trading per gli investitori al dettaglio

Nel 1990, i flussi di capitali tra le nazioni sono aumentati grazie alle nuove tecnologie. Il mercato forex, che in precedenza era limitato alle grandi istituzioni finanziarie, è diventato accessibile ai singoli trader e investitori, che possono ora speculare sulle valute.

Nel 1992, abbiamo assistito a numerose crisi connesse a movimenti speculativi di valuta. Il miliardario George Soros ha avviato una posizione a breve di 10 miliardi di sterline, scommettendo sul declino della valuta.

La Bank of England fu costretta a rimuovere la Sterlina dal Sistema Monetario Europeo. Il profitto di George Soros da quella operazione è stata stimato in un miliardo di dollari.
A partire dal 1995, i singoli operatori possono scambiare valute in tempo reale attraverso Internet e attraverso i broker forex.

Dal 2002, l’interesse generale nello scambio di valute ha visto una crescita molto forte. Le Società di brokeraggio online sono diventate innovative, grazie alle loro piattaforme di trading online e i social network dei trader.

Oggi, il mercato dei cambi è il più grande mercato finanziario del mondo in termini di volume di transazioni al giorno, che è stimato a oltre quattro miliardi di dollari.

Il tema della storia della moneta è stato trattato ancora più in sintesi in un video prodotto da BPER banca di meno di 3 minuti. Per chi ama la sintesi e si annoia a leggere.... eccolo qui:

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Forex

Argomenti:

Forex

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.