Bonus internet e pc: richiesta, diritto e chiarimenti

Moltissime famiglie sono in attesa dell’erogazione del bonus Internet e Pc, ma molto probabilmente lo stesso non sarà come ci si aspettava.

Bonus internet e pc: richiesta, diritto e chiarimenti

Annunciato durante l’estate come la misura che avrebbe dovuto colmare il Gap italiano della digitalizzazione, il bonus pc e internet avrebbe dovuto partire, secondo le intenzioni della ministra Paola Pisano, dal 20 settembre. I ritardi burocratici e di attuazioni della misura, però, hanno provocato degli slittamenti e, tuttora, il bonus non è ancora fruibile. Ma, molto probabilmente, si tratta di un bonus che sarà molto diverso da come ci si aspettava.

Rispondiamo in questo articolo ad una serie di domande di lettori di Money.it che ci hanno scritto al riguardo.

Bonus Internet e Pc

  • “Ho una figlia che frequenta il secondo anno di superiori, la scuola ha già annunciato che un giorno a settimana ci sarà didattica a distanza ma noi non abbiamo connessione internet. Come posso richiedere il bonus?”

Il bonus non verrà erogato sotto forma di voucher ai richiedenti ma si potrà fruire sotto forma di sconto di beni e servizi erogati dagli operatori delle telecomunicazioni iscritti a Infratel Italia.

In ogni caso per poterne fruire è necessario avere una dichiarazione Isee in corso di validità che riporti un reddito inferiore ai 20mila euro per fruire del bonus di 500 euro (di cui 300 saranno destinati a beni come Pc e tablet e 200 dedicati alla connessione Internet veloce) o inferiore a 50mila euro per fruire del bonus da 200 euro (per la sola connessione internet veloce).

In ogni caso uno dei requisiti per poter fruire del bonus sembrerebbe essere l’assenza di una connessione Internet o il possedere una connessione di velocità interiore ai 30 Megabit al secondo.

Per la richiesta e la fruizione del bonus, invece, è necessario attendere le istruzioni del MISE.

  • “Posso comprare un tablet o un pc a mio figlio e poi chiedere il rimborso con il bonus pc?”.

Dai rumors e dalle notizie che sono girate fino ad ora sembrerebbe che non sia possibile l’acquisto di dispositivi ma solo la richiesta di comodato d’uso di quelli che gli operatori metteranno a disposizione dei clienti.

In ogni caso non è previsto di poter acquistare eventuali pc o tablet nei negozi sotto casa o negli ipermercati o centri commerciali. Sarà possibile, invece, fruire dei dispositivi messi a disposizione dagli operatori che applicheranno, poi, il bonus spettante sotto forma di sconto sul canone di beni e servizi.

In ogni caso bisognerà attendere le istruzioni del MISE al riguardo.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti:

Bonus famiglia

Iscriviti alla newsletter

Money Stories