Boldrini propone di regolarizzare i migranti e Twitter si riempie di insulti e minacce

Laura Boldrini ha proposto di estendere la sanatoria sulla regolarizzazione dei migranti “sarebbe vantaggioso per tutti”, scatenando su Twitter una serie di insulti e minacce.

Boldrini propone di regolarizzare i migranti e Twitter si riempie di insulti e minacce

Con un intervento al Parlamento Laura Boldrini si è schierata a favore "della regolarizzazione dei migranti presenti sul nostro territorio”. Nella sua dichiarazione, l’ex presidente della Camera ha spiegato come questa misura possa essere a “vantaggio di tutti e di tutte”.

Consente di restituire dignità e diritti alle persone che vengono lasciate in condizione di irregolarità per poterle sfruttare meglio - ha spiegato la Boldrini - Per garantire la legalità laddove invece regnano il caporalato e la mancanza di sicurezza. Infine, garantire dei livelli adeguati di tutela della salute”.

La proposta di Laura Boldrini è quindi quella di estendere quanto già previsto nella sanatoria prevista per i braccianti e colf nel settore agricola, anche ad altre categorie produttive e non solo a chi si trova in questo status dal 31 ottobre 2019.

Sarebbe come far partire un treno veloce e poi tirare il freno di emergenza nel timore che arrivi troppo presto a destinazione” ha spiegato la parlamentare di LeU, con il governo che ha accolto la sua proposta di “monitorare l’andamento del processo di regolarizzazione e valutare l’opportunità di estendere tali procedure”.

Insulti e minacce su Twitter nei confronti di Laura Boldrini

Non sono quindi mancate le reazioni da parte di molti utenti che, su Twitter , hanno rivolto diversi insulti pesanti e minacce nei confronti di Laura Boldrini.

Tra i diversi commenti che le sono stati rivolti sul social network, c’è ad esempio chi ha scritto: “La Boldrini va cacciata! Facile per lei vivere: milionaria e con le guardie del corpo. Noi invece possiamo venire stuprate, pestate, importunate dalle sue RISORSE. SI VERGOGNI!”.

Oltre a diversi post del genere, c’è anche chi promette: “SE ME LA TROVO SULLE STRISCE PEDONALI GIURO CHE CONFONDO IL PEDALE DEL FRENO CON L’ACCELERATORE...FAREI UN FAVORE ALL’UMANITÀ”.

Non manca quindi il solito invito, rivolto anche a Giuseppe Conte, Luciana Lamorgese e a Teresa Bellanova con un “dai che a casa vostra c’è posto!”, oltre a chi la apostrofa in questo modo: “La Boldrini ma chi è questa specie di essere? È un virus che va estirpato? Non ci sono problemi, lo diciamo alla nettezza urbana”.

Al momento nessun esponente politico di alcun partito si è schierato a difesa di Laura Boldrini. Sarebbe auspicabile, invece, offrire la propria solidarietà ad offese gravi che necessiterebbero di una censura unanime, in qualunque modo la si pensi su determinati temi.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories