Batterio killer Verona, svelato il mistero: cos’è il Citrobacter

Il misterioso batterio killer che ha ucciso neonati a Verona e causato gravi encefaliti era annidato nell’acqua dell’ospedale. Ecco cos’è il Citrobacter, sintomi, cause e come avviene il contagio.

Batterio killer Verona, svelato il mistero: cos'è il Citrobacter

Non solo coronavirus. Un batterio killer che causa danni gravi al cervello nei neonati sta seminando il panico in Italia. L’allarme arriva dall’Ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento a Verona, dove il batterio letale ha provocato la morte di 4 bambini dal 2018 e diverse gravi encefaliti.

La causa è da imputare al Citrobacter, un batterio che può “bruciare il cervello” dei neonati e di cui si conosce ancora poco, ma che si sta rivelando resistente a ogni tipo di antibiotico.

L’allarme è scoppiato in seguito al caso di una bambina nata a Verona ad aprile 2019 morta al Gaslini di Genova per aver contratto il batterio che ha colpito il cervello; stessa sorte toccata a un bimbo di 6 mesi la scorsa estate. Contagiati una decina di bimbi, finiti in stato vegetativo.

La situazione ha portato l’Ospedale della donna e del bambino di Borgo Trento a Verona a chiudere, il 12 giugno scorso, il punto nascite e a trasferire i reparti di pediatria e terapia intensiva neonatale per procedere con la sanificazione degli ambienti.

Batterio killer Verona annidato nel rubinetto d’acqua

La Regione Veneto ha chiesto un’indagine, da cui è emerso che il Citrobacter si sarebbe annidato nel rubinetto dell’acqua utilizzata dal personale della Terapia intensiva neonatale dei due nosocomi veronesi.

A questa conclusione è giunta la commissione esterna coordinata da Vincenzo Baldo, ordinario di Igiene e Sanità pubblica all’Università di Padova. Il Ctrobacter si sarebbe formato nel rubinetto a causa di un mancato o parziale rispetto delle misure igieniche, ma anche il ricorso all’acqua del rubinetto e non a quella sterile può essere stato l’errore fatale degli operatori.

Citrobacter: cos’è, contagio, cause e sintomi

I Citrobacter sono una famiglia di batteri di cui si sa ancora molto poco. Isolati per la prima volta nel 1932 da Werkman e Gillen che proposero il termine generico Citrobacter e ne descrissero sette specie, sono definiti agenti patogeni opportunistici nell’uomo. Negli adulti possono causare malattie invasive e infezioni del tratto urinario, delle vie respiratorie, della pelle, ecc... ma nei neonati causano meningite.

La meningite neonatale causata dal Citrobacter è tanto devastante quanto rara. Ancora poco chiare le cause, si tratterebbe di un’infezione nosocomiale, a trasmissione verticale durante il parto attraverso la madre o da parte degli operatori sanitari.

Questa infezione causa ascessi intracerebrali e complicazioni tra cui edema cerebrale, meningoencefalite necrotizzante diffusa, ventricolite, cerebrite, empiema, pneumatocefalo, idrocefalo cerebrale e grave insufficienza neurologica e convulsioni. Il tasso di mortalità è del 30%; i bambini sopravvissuti possono rispondere bene alle terapie e guarire senza riportare lesioni cerebrali anche se sono più frequenti i casi di piccoli pazienti che restano con danni irreversibili, ritardi e paralisi cerebrale.

Nella maggior parte dei casi di tratta di un’infezione sporadica, sebbene nella letteratura scientifica siano stati descritti focolai. 

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories