Anton Wilhelm Amo: chi era e perché Google gli dedica un Doodle

Chi era Anton Wilhelm Amo e perché Google dedica un Doodle al celebre filosofo e scrittore di origini ghanesi?

Anton Wilhelm Amo: chi era e perché Google gli dedica un Doodle

Chi era Anton Wilhelm Amo? Il celebre filosofo e scrittore a cui Google dedica un Doodle speciale nella giornata di oggi.

Anton Wilhelm Amo, conosciuto anche come Anthony William Amo, era un noto filosofo di origini africane, proveniente dal Ghana, che ha raggiunto la Germania per completare i suoi studi agli inizi del 1700, per poi diventare insegnante in diverse e prestigiose università ed è rimasto alla storia per essere stato la prima persona africana ad aver frequentato un’università europea. Ecco la sua storia e la sua biografia.

Anton Wilhelm Amo: biografia

Anton Wilhelm Amo nasce ad Axim, una regione occidentale dell’attuale Ghana nel 1703, fa parte degli Nzema, una popolazione autoctona Akan, e quando aveva solamente 4 anni venne portato in Germania dalla Compagnia olandese delle Indie occidentali. Il piccolo Anton Wilhelm Amo venne donato ai duchi August Wilhelm e Ludwig Rudolf von Wolfenbüttel, che lo accolsero e lo trattarono proprio come un membro della loro famiglia, tanto da fornirgli anche un’ottima istruzione: Anton Wilhelm Amo studiò nel 1717 alla Wolfenbüttel Ritter-Akademie e nel 1721 perfezionò i suoi studi all’Università Helmstedt.

Nel 1727 si iscrisse all’Università di Halle alla facoltà di Fiurisprudenza, che concluse con una tesi di laurea magistrale intitolata “Dissertatio Inauguralis De Jure Maurorum in Europa”, con cui affrontava le leggi dei Mori in Europa, la cui sintesi resta ancora conservata negli annali dell’Ateneo. La sua carriera universitaria si conclude nel 1734 con il dottorato in filosofia, con una tesi che si posizionava in modo contrario al dualismo cartesiano.

Nel 1736 divenne professore universitario e continuò a produrre le sue opere, tanto che solamente due anni dopo, nel 1738, pubblica “Treatise on the Art of Philosophizing Soberly and Accurately”, un volume in cui sviluppa un’epistemologia empirica similare a quella dei filosofi John Locke e David Hume, a cui era molto vicino. Nel 1740 inizia ad insegnare filosofia nella celebre Università di Jena, ma nel mentre la sua vita inizia a cambiare in peggio dopo la morte del duca di Brunswick-Wolfenbüttel non più in grado di proteggerlo in una Germania in cui andavano diffondendosi idee sempre meno liberali. Nel 1747 ritornò nell’attuale Ghana, dove rimase per il resto della sua vita.

Perché Google gli dedica un Doodle?

Diana Ejaita, l’artista che ha creato il Doodle di oggi, ha voluto celebrare Anton Wilhelm Amo, il grande scrittore e filosofo di origini ghanese, poiché ricorre proprio nella giornata di oggi la data in cui Amo ricevette il dottorato in filosofia all’università tedesca di Wittenberg.

L’evento risulta essere particolarmente significativo dal momento che si Anton Wilhelm Amo è stato il primo studente e poi professore di origine africana all’interno delle università europee.

Argomenti:

Google Doodle Biografie

Iscriviti alla newsletter

Money Stories