Analisi azioni: Poste Italiane non riesce a superare quota 8 euro e vira bruscamente al ribasso

Ufficio Studi Money.it

02/08/2018

02/08/2018 - 11:47

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Inizio di seduta pesante per Poste Italiane che vira al ribasso verso il test della MM a 50 periodi. Pesa l’incapacità di superare la barriera a 8 euro

Poste Italiane ha cominciato la seduta con un brusco ribasso. Il titolo sembra aver ignorato le evidenze dei risultati economici sul primo semestre 2018 (clicca qui per approfondire), mentre è stato penalizzato da aspetti tecnici apparentemente più rilevanti come l’incapacità messa in luce nella seduta di ieri di superare la barriera statica a 8 euro.


Poste Italiane, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Giunti ormai a metà seduta il titolo Poste Italiane sembra aver riassorbito parte delle pressioni ribassiste, grazie anche al contatto ravvicinato con la media mobile a 50 periodi che oggi transita a 7,50 euro, nei pressi dei minimi intraday battuti dal titolo nel corso della mattinata.

La zona tecnicamente importante per verificare la tenuta dei prezzi è quella che corrisponde a 7,31 euro, dove transita la linea di tendenza che collega i minimi del primo dicembre 2017 a 6,055 euro con quelli del 12 dicembre 2017 a 6,11 euro.
Una tenuta di tale livello collimerebbe con la lettura dell’oscillatore RSI, che dopo aver toccato la soglia di Ipercomprato ha bisogno di scendere ancora per scaricarsi.

Per annullare l’ipotesi ribassista della seduta odierna i prezzi dovrebbero velocemente recuperare almeno la metà del ribasso fatto fino ad ora, per costruire una falsa rottura dell’area supportiva di 7,678 euro ereditata dai minimi del 19 luglio scorso.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su Poste Italiane


Elaborazione Ufficio studi Money.it

Occorre quindi osservare la chiusura odierna per capire dove potrebbero essere dirette le quotazioni: se i prezzi chiudessero in area di minimi, allora il titolo potrebbe dirigersi verso il test della linea di tendenza menzionata nel precedente paragrafo. Se invece le quotazioni di Poste Italiane dovessero recuperare la metà della discesa odierna ci sarebbero buone possibilità per un recupero dei massimi di ieri.

Operativamente quindi converrebbe approcciare strategie di matrice long con un pattern di inversione in zona 7,31 euro. Al contrario, strategie ribassiste a questo punto potrebbero risultare tardive e non avrebbero un buon rapporto rischio rendimento. Una strategia rialzista a 7,31 euro avrebbe stop loss a 7 euro ad azione e obiettivo principale a 7,66 euro. L’obiettivo finale si troverebbe invece in area 7,90 euro ad azione.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO