I 10 trend che cambieranno i mercati e le economie

Per Pauline Grange, Gestore di portafoglio, Azioni globali di Columbia Threadneedle Investments, dopo l’emergenza Coronavirus ci saranno dieci fattori capaci di cambiare l’economia e i mercati. Vediamo quali

La pandemia di Coronavirus e i conseguenti lockdown lasceranno il segno anche quando l’emergenza sarà finita. In tal senso, Pauline Grange, Gestore di portafoglio, Azioni globali di Columbia Threadneedle Investments evidenzia dieci temi che potranno cambiare le economie e i mercati.

1) Globalizzazione

Per l’esperta, potrebbe essere stato raggiunti il picco della globalizzazione, con i Paesi che metteranno in discussione la dipendenza da altri. Le aziende saranno quindi spinte a diversificare le catene produttive e ci potrebbero essere dinamiche favorevoli per le piccole imprese locali.

2) Il contante

Grange sottolinea come gli acquisti online e il rifiuto di alcuni negozi per il contante a causa di motivi igienici potrebbero favorire la transizione dal “denaro fisico” alle carte di pagamento.

3) Igiene

“Verranno potenziate le leggi e le normative in materia, soprattutto in Cina, che sarà chiamata a regolamentare il suo settore alimentare, vista la fonte dell’epidemia”, dichiara l’esperta.

4) Progressi medici

Per Pauline Grange, potremmo stupirci della velocità con la quale verrà trovata una soluzione per il virus, in quanto progressi che prima richiedevano anni hanno dovuto attendere solo alcune settimane. “Le persone potrebbero sottovalutare l’evoluzione della scienza e il suo impatto”.

5) Lo smart working

Secondo l’esperta, dopo l’emergenza lo smart working potrebbe essere sdoganato, stimolando investimenti nel comparto cloud e nel conseguente abbandono delle vecchie infrastrutture informatiche.

6) I colossi tecnologici

Per il gestore, nel lungo termine le piattaforme online potranno beneficiare di una più elevata crescita degli utenti e del loro coinvolgimento. “Gli attacchi da parte dei governi potrebbero scemare di fronte al ruolo chiave giocato dalle aziende tecnologiche nel fornire supporto alla comunità durante la crisi”. Oltre a questo, si potrà assistere ad un ritorno di coloro i quali avevano abbandonato tali piattaforme per paure legata al tema della privacy.

7) Consumi online

Una volta che l’emergenza sarà finita, molte persone potrebbero fare degli acquisti online una nuova abitudine, e non solo una momentanea necessità. Ciò di fatto porterà ad un incremento degli investimenti online da parte di commercianti al dettaglio e di servizi tradizionali.

8) La crescita dei principali trend tecnologici

“Si è già registrata una forte crescita di aziende operative nel campo dell’intelligenza artificiale che usano gli algoritmi basati su dati per automatizzare i processi decisionali anziché i laboriosi processi basati sulla comunicazione faccia a faccia. Sono tutte pronte a una realtà meno fondata sull’interazione umana e questo, come accennato in precedenza, potrebbe favorire ulteriormente gli investimenti nei cloud pubblici”, dichiara Pauline Grange.

9) L’ “agenda verde”

Alcuni Paesi potrebbero decidere di mantenere la riduzione dell’inquinamento a cui si sta assistendo durante questa emergenza sanitaria. Questo avrebbe la possibilità di portare ad un rilancio dell’ “agenda verde”, con maggiori investimenti nel campo delle energie pulite.

10) Il capitalismo morale

“Nella mentalità dei consumatori potrebbe cambiare radicalmente la scala dei valori visto che abbiamo sperimentato un’effettiva riduzione delle libertà. Improvvisamente, potremmo ritrovarci a dare meno importanza alle cose materiali, mentre le esperienze, la salute/forma fisica e l’impegno sociale saliranno nelle priorità dei consumatori”.

Argomenti:

Coronavirus

Iscriviti alla newsletter

I 10 trend che cambieranno i mercati e le economie

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

Termina il 07/12/2020

Come passerai questo Natale?

741 voti

VOTA ORA