Swing trading

Lo swing trading è una particolare tecnica di trading, tra le più usate, dal momento che è anche tra le più semplici. Optare per lo swing trading o per un’altra tipologia di trading dipende esclusivamente dal trader e da come preferisce agire.

Lo swing trading è una delle tipologie più elastiche di trading sui vari mercati, dal momento che bilancia i difetti delle altre modalità. Un altro vantaggio dello swing trading è la sua semplicità, che riesce a coinvolgere anche i trader alle prime armi.

Le caratteristiche principali dello swing trading sono le seguenti:

  • si svolge in un orizzonte temporale di qualche giorno, quindi oltre il trading intraday;
  • ha come obiettivo quello di catturare l’oscillazione (“swing”) rialzista o ribassista del periodo.

Il Forex è il mercato ideale per lo swing trading, grazie ai grandi volumi e alle numerose oscillazioni che i cambi vivono continuamente. Swing trader è quindi colui che cavalca l’onda e che cattura il sentiment di quel preciso frangente di tempo.

Fare swing trading vuol dire, quindi:

  • individuare la fase di mercato di un cambio;
  • capire se è rialzista o ribassista attraverso gli indicatori tecnici;
  • aprire una posizione nella direzione del trend, destinata a durare dai 2 giorni alla settimana.

Con la tecnica dello swing trading si evita lo stress del trading intraday, senza però correre i rischi del trading buy and hold, orientato sul lungo periodo. Lo swing trading ha ovviamente anche degli svantaggi, dal momento che può limitare le prospettive di guadagno, dato il breve tempo che si tiene aperta una posizione.

Lo swing trading è il metodo di trading più facile da approcciare per i novizi, rimanendo allo stesso tempo tra i più usati anche nel mondo dei trader esperti. Consigliamo a tutti i trader, esperti o meno, di approfondire l’argomento leggendo anche Swing trading: cos’è e come funziona? Guida completa.

Swing trading, ultimi articoli su Money.it

|