Jens Weidmann

Jens Weidmann

Jens Weidmann è un economista tedesco nato il 20 aprile 1968, attualmente Presidente della Bundesbank - la banca centrale della Germania - e Presidente della Banca dei regolamenti internazionali.

Prima di ricevere l’incarico alla guida della Bundesbank nel 2011, da febbraio 2006 è stato Capo della Divisione IV (Politica economica e finanziaria) presso la Cancelleria federale tedesca. È stato capo negoziatore della Repubblica federale della Germania in occasione dei vertici del G8 e del G20.

Al momento è tra i favoriti a ricoprire il ruolo di presidente della Banca Centrale Europea quando il posto diventerà vacante nel corso del 2019.

Per conoscere le sue idee politiche e in che modo potrebbe evolvere la politica monetaria della BCE sotto la sua guida:

Chi è Jens Weidmann, il tedesco anti-Draghi (possibile) nuovo presidente BCE

Jens Weidmann, ultimi articoli su Money.it

Con Weidmann alla BCE scordatevi un nuovo QE

Pubblicato il 28 giugno 2019 alle 12:45

Weidmann dovrà giocoforza stare ad ascoltare quei Governatori preoccupati circa le conseguenze sulle banche, le pensioni e i risparmiatori di un periodo prolungato di tassi di interesse negativi

Successore Mario Draghi: ora il favorito è Weidmann

Pubblicato il 28 maggio 2019 alle 11:16

La partita per la scelta del successore di Mario Draghi entra nel vivo: secondo le ultime indiscrezioni l’attuale governatore della BundesBank sarebbe in forte vantaggio.

Bundesbank: via libera a rinnovo mandato di Weidmann

Pubblicato il 27 febbraio 2019 alle 17:28

L’esecutivo tedesco ha approvato il rinnovo del mandato dell’attuale n.1 della BundesBank, Jens Weidmann. Anche se il chairman rappresenta uno dei candidati più accreditati alla successione di Mario Draghi, non sono da escludere sorprese.

Germania: Bundesbank, possibile rimbalzo economia nei prossimi mesi

Pubblicato il 18 febbraio 2019 alle 12:58

Se nel corso del secondo trimestre la situazione non sembrerebbe destinata a migliorare, allungando l’orizzonte temporale un rimbalzo dell’economia tedesca è possibile. È quanto rileva la BundesBank, la banca centrale tedesca.