Superbonus 110%: i chiarimenti delle Entrate nella maxi circolare sui quesiti di cittadini, professionisti e imprese

Rosaria Imparato

22 Dicembre 2020 - 17:51

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Superbonus, nella maxi circolare n. 30/E del 22 dicembre 2020 l’Agenzia delle Entrate fornisce ulteriori chiarimenti in merito all’applicazione dell’agevolazione al 110% rispondendo ai quesiti posti da imprese, professionisti e cittadini.

Superbonus 110%: i chiarimenti delle Entrate nella maxi circolare sui quesiti di cittadini, professionisti e imprese

Superbonus 110%, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato dei chiarimenti sull’applicazione dell’eco e sismabonus potenziato dal decreto Rilancio.

Tali chiarimenti si trovano nella maxi circolare pubblicata il 22 dicembre 2020: 83 pagine in cui l’Amministrazione Finanziaria risponde a vari quesiti posti non solo dai contribuenti, ma anche dai professionisti e dalle imprese che svolgono i lavori.

La circolare n. 30/E fornisce quindi ulteriori chiarimenti sull’applicazione del superbonus, partendo dalle novità del decreto Agosto e arrivando a fare esempi concreti per gli interventi trainanti e trainati, passando per la definizione di ingresso autonomo indipendente, fino all’installazione di impianti fotovoltaici.

Superbonus 110%: i chiarimenti delle Entrate nella maxi circolare

Arrivano ulteriori chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate nella maxi circolare n. 30 pubblicata il 22 dicembre 2020: 83 pagine dedicate ai quesiti posti da contribuenti, professionisti, CAF e imprese.

Circolare AdE n. 30/E del 22 dicembre 2020
Detrazione per interventi di efficientamento energetico e di riduzione del rischio sismico degli edifici prevista dall’articolo 119 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (Decreto Rilancio) – Risposte a quesiti.

L’Amministrazione Finanziaria fornisce chiarimenti in merito alla detrazione sulle spese per gli interventi di miglioramento della classe energetica, riduzione del rischio sismico, installazione di impianti fotovoltaici e delle colonnine di ricarica dei veicoli elettrici.

Il documento di prassi inizia dalle novità introdotte dal decreto Agosto, fornendo l’elenco dei documenti e delle dichiarazioni sostitutive necessarie quando viene rilasciato il visto di conformità sulle comunicazioni per lo sconto in fattura o per la cessione del credito.

Non solo: l’Agenzia delle Entrate fornisce anche maggiori spiegazioni in merito all’ingresso alla definizione di accesso autonomo dall’esterno, argomento su cui è intervenuto anche un emendamento presentato alla Legge di Bilancio 2021.

Superbonus 110%: le Entrate pubblicano una maxi circolare con chiarimenti sui beneficiari

Una parte del documento di prassi in oggetto è dedicato ai beneficiari dell’agevolazione.

Le Onlus, le Organizzazioni di volontariato e le Associazioni di promozione sociale possono fruire del Superbonus senza alcuna limitazione relativamente alla tipologia di immobili oggetto di intervento.

Il superbonus spetta per tutti gli interventi trainati e trainanti, indipendentemente dalla categoria catastale e dalla destinazione dell’immobile. Per tali soggetti non opera neanche la limitazione delle due unità immobiliari.

L’Agenzia delle Entrate si sofferma sugli interventi trainanti e quelli trainati facendo alcuni esempi concreti, chiarendo che possono essere eseguiti anche su una pertinenza indipendentemente dalla circostanza che l’intervento interessi anche il relativo edificio residenziale principale purché questo intervento sia effettuato nel rispetto di tutti i requisiti stabiliti dall’articolo 119 del decreto Rilancio.

Superbonus 110%: i chiarimenti delle Entrate sull’accesso autonomo

La circolare n. 30 dell’Agenzia delle Entrate pubblicata a pochi giorni da Natale si sofferma anche sulla definizione di accesso autonomo.

Il documento di prassi chiarisce in quali casi si può ritenere che una unità immobiliare abbia accesso autonomo dall’esterno con degli esempi:

  • all’immobile si accede direttamente da una strada, pubblica, privata o in multiproprietà o da un passaggio (cortile, giardino, scala esterna) comune ad altri immobili che affaccia su strada oppure da terreno di utilizzo non esclusivo (ad esempio i pascoli), non essendo rilevante la proprietà pubblica o privata e/o esclusiva del possessore dell’unità immobiliare all’accesso in questione;
  • all’immobile si accede da strada privata di altra proprietà gravata da servitù di passaggio a servizio dell’immobile.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories