Visite fiscali: Polo Unico Inps anche per Forze Armate e di Polizia

Anche le visite fiscali per Forze Armate, di Polizia e Vigili del Fuoco sono di competenza del Polo Unico Inps: lo ha confermato l’Inps, ecco cosa cambierà in futuro.

Visite fiscali: Polo Unico Inps anche per Forze Armate e di Polizia

Ci sono importanti novità per gli appartenenti alle Forze dell’Ordine in materia di visite fiscali: l’Inps - con il messaggio 2109 del 2019 ha annunciato che anche Forze Armate e di Polizia sono assoggettate alla normativa sul Polo Unico della medicina fiscale introdotto dal Decreto Madia del 2017.

Con questo messaggio quindi viene fatta finalmente chiarezza su quali regole per le visite fiscali si applicano nei confronti delle Forze Armate e di Polizia, escluse inizialmente dalla gestione del neonato Polo Unico Inps.

A tal proposito l’Inps ha ricordato che nel messaggio 1399 del 2018- con il quale sono state riepilogate le regole su visite fiscali e Polo Unico Inps - è stata rimandata l’applicazione della suddetta normativa nei confronti del personale delle Forze dell’Ordine, in attesa che Inps e Ministero potessero effettuare ulteriori approfondimenti e verifiche.

In attesa di ciò, quindi, per il personale appartenente al comparto Difesa e Sicurezza sono state le singole amministrazioni ad occuparsi delle visite mediche, tant’è che il costo dei controlli non è stato considerato “a carico dei fondi specificatamente assegnati all’Inps per la gestione del Polo Unico”.

Dalla Ragioneria dello Stato però sono finalmente arrivati i chiarimenti tanto attesi che andranno a modificare concretamente la normativa per le visite fiscali di Forze Armate (quali Esercito, Marina e Aeronautica) e Corpi Armati dello Stato (Finanza, Carabinieri, Polizia di Stato e Penitenziaria), così come per i Vigili del Fuoco: nel dettaglio, secondo la Ragioneria anche questi sono assoggettati alla normativa sul Polo Unico Inps.

C’è comunque un ostacolo da superare: per questi lavoratori, per aspetti connessi alla tutela della segretezza e della sicurezza nazionale, non si applicano le regole sulla trasmissione telematica del certificato medico, aspetto fondamentale per permettere al Polo Unico Inps di gestire in maniera efficiente i controlli. Per questo tema l’Inps e gli altri organi interessati si riservano ulteriori approfondimenti.

Cosa cambia nel frattempo? Scopriamolo.

Polo Unico Inps anche per Forze dell’Ordine: cosa cambia

La novità più importante è quella per cui d’ora in avanti le singole amministrazioni potranno chiedere l’intervento del Polo Unico Inps per il personale dipendente appartenente ai ruoli delle Forze Armate, di Polizia e Vigili del Fuoco.

A tal proposito gli applicativi informatici del “Portale aziende online- Richieste di visite mediche di controllo” sono stati aggiornati con l’inclusione delle amministrazioni interessate tra quelle rientranti nella gestione del Polo Unico.

Il vantaggio per le amministrazioni è chiaro: le visite mediche nei confronti degli appartenenti alle Forze Armate, di Polizia e Vigili del Fuoco non saranno più a loro carico, dal momento che i relativi oneri saranno tutti a carico dell’Inps.

Non ci sono novità invece per le visite mediche di controllo d’ufficio, con il Polo Inps che non potrà effettuarle vista l’esclusione del suddetto personale dall’obbligo di certificazione telematica della malattia. Per questo aspetto l’Inps si riserva di ulteriori valutazioni, delle quali vi daremo tempestivamente notizia non appena ci saranno novità.

Ricordiamo che per gli appartenenti alle Forze dell’Ordine non ci sono cambiamenti in merito al rispetto delle norme del Decreto Madia sulle visite fiscali, visto che queste già si applicavano nei loro confronti.

Vale quindi la regola che le visite fiscali possono essere ripetute, mentre i casi di esenzione sono quelli previsti chiaramente dalla normativa. Fino ad oggi, infatti, l’unica regola che non si applicava nei loro confronti era quella che vedeva la gestione del Polo Unico Inps, con le visite fiscali che restavano di competenza delle singole amministrazioni; come abbiamo appena visto, però, d’ora in avanti non sarà più così.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Visite fiscali

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.