Marte raggiunge la distanza minima dalla Terra: come vederlo

Marte raggiunge la distanza minima dalla Terra il 6 ottobre 2020: ecco cosa significa e come vedere l’evento astronomico che avrà come protagonista il pianeta rosso.

Marte raggiunge la distanza minima dalla Terra: come vederlo

Evento da non perdere questo mese per gli appassionati di astronomia: Marte sta infatti per raggiungere la distanza minima dalla Terra, un evento epocale che non si ripeterà prima dei prossimi 15 anni. Ma cosa significa e come vederlo?

Marte è il secondo pianeta più vicino al nostro nel Sistema Solare: non è un segreto che la colonizzazione spaziale, un piano ambizioso che vede coinvolto anche Jeff Bezos, punti proprio al pianeta rosso. In pochi sanno però che i due pianeti tendono ad avvinarsi moltissimo, raggiungendo la distanza minima che li separa: tanto vicino da poter esser visto anche a occhio nudo. Ecco quando.

Marte a distanza minima dalla Terra: ecco quando e come vederlo

Un evento che si ripeterà tra 15 anni, ecco perché è importante segnarsi sul calendario la data del 6 ottobre 2020: in questa data Marte si troverà a circa 62,1 milioni di chilometri dalla Terra. Vicinissimo (anche se il record restano i 55,7 milioni di chilometri del 2003).

Anche la posizione che accompagnerà il fenomeno sarà più che vantaggiosa per la sua osservazione: la volta celeste che ospiterà Marte sarà priva di stelle luminose. Il pianeta rosso è attualmente a nord dell’equatore celeste in una posizione perfetta che permette di visualizzarlo in entrambi gli emisferi e apparirà brillante e confondibile solo con la luna (che lo offuscherà leggermente nella sua fase gibossa calante).

Non è il solo appuntamento del mese con il pianeta: il 13 ottobre Marte sarà infatti in opposizione e visibile grazie all’allineamento tra il pianeta rosso, il Sole e la Terra.

Marte sarà visibile perfettamente a occhio nudo nel corso delle prossime settimane.

Un’occasione da non perdere quindi: il prossimo appuntamento sarà infatti nel 2035 quando la distanza minore stimata sarà parti a circa 56,9 milioni di chilometri. Come già detto, il pianeta roccioso sarà visibile e facilmente distinguibile anche a occhio nudo e attraverso l’attrezzatura dedicata come binocoli o telescopi.

Argomenti:

Sistema Solare Spazio

Iscriviti alla newsletter

Money Stories