“Italia sanità da Terzo Mondo, non potremmo rispondere a una vera emergenza” (Mori) VIDEO

A causa dello smantellamento del sistema pubblico, secondo Marco Mori di Vox Italia protagonista della puntata del 27 febbraio di Memento Mori il caso coronavirus dimostra come l’Italia attualmente avrebbe una sanità di Terzo Mondo che non potrebbe rispondere a una vera emergenza.

Veniamo fuori da decine di anni di tagli alla sanità, ogni volta che una regione decide misure in ambito sanitario riguardano chiusure di reparti, di ospedali o privatizzazioni, con un settore che via via si indebolisce per l’interesse di pochi”.

Nella ridda di prese di posizione in merito alla emergenza coronavirus, Marco Mori durante la puntata del 27 febbraio di Memento Mori, il nuovo format di MoneyTV in onda sul canale YouTube di Money.it, ha voluto porre l’accento su un altro aspetto.

Spero che l’emergenza coronavirus - ha commentato l’avvocato ligure esponente di Vox Italia - non diventi l’esempio eclatante di cosa significhi per uno stato sovrano aver demolito la sanità pubblica”.

Secondo Mori infatti visti i tanti tagli degli scorsi anni “l’Italia è retrocessa a un livello di sanità uguale a quella del Terzo Mondo, tanto che non saremmo in grado in nessun modo di rispondere a una vera emergenza”.

Questi giorni di emergenza coronavirus avrebbero quindi “scoperchiato il vaso, altro che eccellenza come si diceva qualche anno fa”, con Marco Mori che ha sottolineato come “in settori chiave come la sanità la spesa andrebbe aumentata anche del 50% o più”.

Iscriviti alla newsletter Rubriche per ricevere le news su Marco Mori

Condividi questo post:

“Italia sanità da Terzo Mondo, non potremmo rispondere a una vera emergenza” (Mori) VIDEO

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.