Ftse Mib ci prova: nuovi spunti rialzisti all’orizzonte? Focus su 21.550 punti

icon calendar icon person
Ftse Mib ci prova: nuovi spunti rialzisti all'orizzonte? Focus su 21.550 punti

Ftse Mib: la quotazione riesce a smarcarsi dalla persistente fase di trading range. Possibile raggiungimento dei record annuali in area 21.850 punti? Analisi tecnica della settimana (17-21 luglio).

L’indice Ftse Mib nella settimana appena conclusa ha dato una nuova dimostrazione di forza tornando a mettere sotto pressione la solida resistenza a quota 21.550 punti e registrando una performance positiva del 2,18%.

Con un poderoso rialzo la quotazione dell’indice italiano, nella sessione di mercoledì scorso, ha rotto la resistenza a quota 21.280 punti, segnando la fine della fase di trading range che durava da ormai diverse settimane.
Un chiaro segnale rialzista che sembra preannunciare l’avvicinamento ai record annuali registrati a maggio poco sotto quota 21.850 punti.
Nuovi spunti rialzisti all’orizzonte per l’indice Ftse Mib nella prossima settimana?

Ftse Mib: sentiment positivo ma attenzione alla BCE

L’indice Ftse Mib, insieme a tutti gli indici delle altre principali Borse mondiali, ha beneficiato dei nuovi record realizzati a Wall Street in scia alle dichiarazioni che il governatore della Federal Reserve, Janet Yellen, ha rilasciato durante la Commissione Banche del Congresso USA.
In questa occasione la Yellen ha ribadito che l’economia statunitense è in grado di assorbire ulteriori rialzi dei tassi ma ha anche sottolineato che questi avverranno in maniera molto graduale a causa del preoccupante rallentamento dell’inflazione USA.
Al riguardo, gli ultimi dati sull’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti, rilasciati venerdì, hanno deluso le attese degli analisti confermando il trend negativo dell’inflazione.

L’indice Ftse Mib è riuscito a smarcarsi dal persistente trading range anche grazie ad un clima più disteso per i titoli appartenenti al comparto bancario, dopo il via libera della Camera al decreto legge che disciplina la liquidazione ordinaria delle banche venete, Popolare di Vicenza e Veneto Banca.
Bene anche i titoli appartenenti al settore oil rimbalzati grazie al recupero del prezzo del petrolio dopo il forte calo delle scorte settimanali USA, come reso noto dall EIA.

Nel corso della settimana entrante l’evento da seguire con attenzione è l’annuncio dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea previsto, secondo il calendario economico, giovedì alle ore 13:45 seguito dalla conferenza stampa di Draghi alle ore 14:30.
Il consensus non prevede variazioni alla politica monetaria della BCE ma gli investitori sono alla ricerca di maggiori indicazioni riguardo il processo di tapering dopo che le ultime indiscrezioni trapelate hanno rivelato che il QE potrebbe andare avanti altri due anni.

Ftse Mib verso nuovi allunghi? Analisi e livelli chiave

Grazie al break-out dei 21.280 punti, la quotazione dell’indice Ftse Mib getta le basi per la costruzione di una nuova gamba rialzista con un primo obiettivo posto nell’area del massimo annuale poco sotto i 21.850 punti. La rottura di questo livello aprirebbe la strada ad ulteriori allunghi al rialzo verso quota 22.300 punti.

Indice Ftse Mib, grafico daily

Il livello di resistenza chiave si individua a quota 21.550 punti.
Tale livello potrebbe risultare di difficile superamento per la quotazione dell’indice Ftse Mib, e potrebbe, nel breve periodo, favorire una correzione verso il basso. Tuttavia, fin quando resteremo sopra la media mobile a 50 periodi in area 21.200 punti resta possibile la ripartenza al rialzo verso l’obiettivo dei 21.850 punti.

Sul fronte ribassista, preoccupante una discesa della quotazione al di sotto del livello di supporto in area 20.900 punti. In tal caso le prospettive di crescita tornerebbero ad indebolirsi aprendo la strada al test del livello di supporto in area 20.580 punti.

Chiudi X