Elezioni USA 2020: quale impatto sui mercati? Previsioni e scenari

L’analisi di esperti dei mercati finanziari sull’impatto delle elezioni USA 2020 sulle borse. Gli scenari e le conseguenze possibili.

Elezioni USA 2020: quale impatto sui mercati? Previsioni e scenari

Gli ultimi sondaggi sulle elezioni USA del 3 novembre danno il democratico Joe Biden come vincitore favorito rispetto a Donald Trump, anche se il presidente in carica alla fine potrebbe ribaltare le previsioni, come già successo nel 2016.

Anche se non è semplice prevedere chi vincerà le presidenziali, si può stimare come reagiranno i mercati all’esito del voto. Ecco previsioni e scenari degli analisti interpellati da CNBC sull’impatto che i diversi risultati delle elezioni USA potrebbero avere sulle borse.

Elezioni USA 2020: cosa succede ai mercati se vince Biden

La maggior parte degli esperti prevede, in caso Biden conquistasse la presidenza degli Stati Uniti, una contrazione dell’S&P 500, ovvero l’indice che analizza la tendenza delle azioni riguardanti le 500 società americane a maggiore capitalizzazione.

A preoccupare sarebbero le politiche fiscali che Biden potrebbe mettere in atto una volta insediatosi, soprattutto nel caso in cui i democratici riuscissero a conquistare anche il Senato. Infatti, le ricette più interventiste proposte dall’ex vice di Obama potrebbero spingere diversi investitori ad abbandonare momentaneamente la borsa statunitense.

Tuttavia, secondo altri analisti, questa uscita potrebbe essere compensata grazie agli investimenti promessi in alcuni settori come sanità, green economy e infrastrutture, mantenendo positivi i livelli dei mercati.

E se vince Trump?

Al contrario, in caso di riconferma di Donald Trump alla Casa Bianca, l’indice S&P 500 potrebbe vedere un aumento del 5%, essendo stato l’attuale presidente un “buon amico” del sistema finanziario americano.

Nonostante questo, però, le politiche sull’immigrazione e contro il libero commercio potrebbero danneggiare la produzione economica e avere quindi ripercussioni sulle compagnie quotate in borsa.

Lo scenario peggiore

Se le valutazione sugli effetti che la vittoria dell’uno o dell’altro candidato potrebbero avere sulla finanza differisce, i player coinvolti in questa inchiesta sono concordi nell’individuare lo scenario peggiore per i mercati in un risultato elettorale contestato da uno dei due competitor.

Non si tratta solo di una eventualità astratta, ma bensì di una minaccia ben precisa arrivata da parte di Trump nelle scorse settimane. In questo caso il calo previsto sarebbe almeno tra il 5 e il 10%, mentre i più pessimisti si spingono addirittura oltre il 10%.

Se, quindi, Trump e Biden portano ciascuno i propri pro e contro nelle borse, lo stallo politico sembra essere il vero pericolo a cui l’economia americana va incontro in questa competizione elettorale ormai entrata nel vivo.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories