Riciclaggio

Il termine Riciclaggio, qui inteso come riciclaggio di denaro, consiste nel crimine regolamentato dall’articolo 648 bis del codice penale.
Il riciclaggio di denaro è l’atto illecito consistente in una serie di operazioni messe in atto per dare una parvenza di liceità a capitali che non lo sono e rendendo difficile individuare la loro provenienza o i soggetti su cui rivalersi per recuperarli. Sul riciclaggio di denaro si basa la cosiddetta economia sommersa. L’incriminazione del riciclaggio è uno strumento alla lotta alla criminalità organizzata. Questa, attraverso appropriazione illecita di denaro (il cosiddetto denaro sporco), lo ripulisce o per l’appunto lo ricicla, per far apparire lecita l’attività o i suoi proventi, e utilizzare il denaro pulito. La pulizia del denaro avviene attraverso mezzi leciti, per questo è molto difficile risalire alla sua provenienza. Si tratta di un delitto che avviene in tre fasi:

  1. La prima fase è il posizionamento o “smurfing”. I proventi del crimine sono convertiti in attività.
  2. La seconda fase è quella della stratificazione o “layering”. Il ricavato dell’attività di stratificazione viene convertito o spostato acquistando beni legittimi e allontanando il più possibile la fonte dell’illecito.
  3. La terza fase è quella dell’integrazione. I beni ora resi legittimi vengono reinseriti nell’economia legale fino a perdere ogni traccia della fonte e ottenendo un profitto apparentemente lecito.

Il riciclaggio è punito con una pena pecuniaria e detentiva.

Riciclaggio, ultimi articoli su Money.it

FBI indaga su Deutsche Bank

Secondo un rapporto del New York Times, le agenzie federali statunitensi stanno indagando sulla gestione del riciclaggio di denaro da parte dell’istituto bancario tedesco

Denaro sporco, Arabia Saudita: la lista nera Ue

L’Ue ha pubblicato una black list dei paesi coinvolti in riciclaggio di denaro e tra questi compare l’Arabia Saudita che reagisce minacciando la Commissione, la quale sembra cedere alle pressioni.

|