Coronavirus, i raggi del sole lo uccidono in pochi secondi: ecco la conferma

Un esperimento scientifico ha dimostrato che i raggi ultravioletti distruggono il COVID-19 in pochi secondi. La scoperta potrebbe essere una svolta per disinfettare i luoghi chiusi come le scuole.

Coronavirus, i raggi del sole lo uccidono in pochi secondi: ecco la conferma

I raggi solari UV distruggono il virus COVID-19 in pochi secondi: l’ipotesi già avanzata in uno studio di Oxford si poggia ora su nuove prove.

La novità arriva da un nuovo esperimento scientifico condotto in Italia da un team di medici e astrofisici, che ha esposto gocce di liquido con Sars-CoV-2 a lampade a raggi ultravioletti.

Il risultato è stato immediato: disattivazione del virus in brevissimo tempo e con successo al 99%. La scoperta potrebbe rappresentare una svolta nella lotta all’epidemia.

Lampade a emissione di raggi UV, infatti, potrebbero essere impiegate come sistemi di sanificazione efficace dei luoghi chiusi.

Raggi del sole bloccano l’epidemia: lo dice la scienza

A spiegare l’importante esperimento è stato Mario Clerici in un’intervista al Corriere della Sera. Il professore ordinario di Immunologia all’Università di Milano è uno dei capofila del prestigioso team di medici e astrofisici impegnati in diverse ricerche sul coronavirus.

L’esito positivo della prova scientifica è stato confermato dopo aver esposto goccioline di COVID ai raggi solari più potenti, quelli che non arrivano sulla Terra poiché bloccati dall’atmosfera. Questi i passaggi chiave dell’esperimento illustrati dal professore:

“Sono state posizionate sotto le lampade gocce di liquido di diverse dimensioni (droplet) contenenti Sars-CoV-2….Abbiamo valutato una dose bassa di virus (quella che può esserci in una stanza dove è presente un positivo), una dose cento volte più alta e una quantità mille volte più alta….In tutti tre i casi la carica virale è stata inattivata in pochi secondi al 99,9% da una piccola quantità di raggi UvC: ne bastano 2 millijoule per centimetro quadrato”

Lo stesso tipo di esperimento è stato eseguito anche con i raggi solari ultravioletti che arrivano sulla Terra, riscontrando gli stessi risultati soddisfacenti: virus disattivato. Una prova, quest’ultima, che deve ancora essere perfezionata prima della divulgazione.

COVID e stagioni: i legami secondo lo studio

La conclusione alla quale è giunta il team scientifico è che esiste un legame certo tra clima e diffusione della pandemia nel mondo. Nello specifico, tra esposizione ai raggi del sole e potenza del virus, come spiegato da Clerici: “minore è la quantità di [raggi] UvA e UvB, maggiore è il numero di infezioni”

Prova ne è l’Italia, dove con l’inizio della stagione estiva, dunque più calda, i positivi sono diminuiti drasticamente mostrando anche sintomi più lievi, con molti asintomatici. Il riscontro c’è anche in America Latina, che sta affrontando il picco della pandemia nel pieno della stagione invernale.

Casi anomali, invece, potrebbero essere India, Bangladesh e Pakistan. In questi Paesi il coronavirus viaggia a ritmi allarmanti nonostante la stagione estiva. Come teorizzato dal professore, però, qui le nuvole dei monsoni potrebbero bloccare i raggi solari e annullare in parte l’effetto di disattivazione del COVID.

Lampade a raggi UV per l’igiene di scuole

Il successo dell’esperimento dei raggi solari che annientano il virus apre a importanti novità sul fronte della prevenzione, in vista dell’autunno e del rischio seconda ondata.

Il team di esperti, infatti, non esclude che lampade a emissione di raggi UV, anche a quantità minime, possano essere impiegate in luoghi chiusi per la sanificazione, per esempio di scuole, negozi, uffici, cinema.

L’effetto certo e quasi immediato di distruzione di eventuali goccioline di virus, infatti, rende questo metodo una promessa per scongiurare contagi in posti a rischio.

Argomenti:

Virus Coronavirus

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories