Coronavirus: i veri rischi per l’Italia

Fiammetta Rubini

22 Gennaio 2020 - 11:06

6 Febbraio 2020 - 10:57

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Qual è il rischio di una diffusione di Coronavirus in Italia? Ecco cosa ha detto il Ministero della Salute e le misure prese per prevenire l’epidemia.

Quali sono i rischi di un’epidemia di Coronavirus in Italia? Cresce la preoccupazione relativa a una diffusione del nuovo misterioso virus cinese (2019-nCoV) in Europa. Il virus è partito dal mercato del pesce e di animali vivi di Wuhan, nella Cina centrale, ed è pericoloso perché si trasmette da persona a persona. Ad oggi sono stati confermati 295 casi di infezioni (anche se le ultime cifre parlano di 315 casi), tra cui 15 sanitari ospedalieri, e 4 decessi.

Anche se finora le autorità hanno parlato di un rischio di contagio molto basso per l’Italia, il Ministero della Salute sul suo sito ha pubblicato un avviso (“Nuova infezione da coronavirus, il punto della situazione”) per fare chiarezza.

Contagio Coronavirus: il rischio per l’Italia

Il Ministero della Salute fa sapere che in Italia la probabilità di introduzione del nuovo coronavirus è moderata, e che nel paese è attiva una rete di sorveglianza sul virus. Il Ministero è in continuo contatto con l’OMS e l’ECDC (European Centre for Disease Prevention and Control), che in caso di novità pubblica tempestivamente gli aggiornamenti sul portale.

I controlli in aeroporto

In vista del 25 gennaio, data d’inizio del Capodanno Lunare cinese, si prevede che almeno 200 milioni di cinesi si metteranno in viaggio, di cui 7 milioni verso l’estero. Tra le misure di prevenzione e individuazione del virus fuori dai confini cinesi, i controlli negli aeroporti, tra cui misurazione della temperatura corporea dei viaggiatori.

L’Italia ha 3 voli diretti da Roma Fiumicino con la città di Wuhan, dove il virus ha avuto origine, e diversi voli non diretti, il cui traffico di passeggeri dovrebbe aumentare in occasione del Capodanno cinese.

L’aeroporto di Fiumicino, come previsto dal Regolamento Sanitario Internazionale, ha attivato la procedura per verificare l’eventuale presenza di casi sospetti a bordo degli aerei provenienti da Wuhan. In caso di sintomi riconducibili al nuovo Coronavirus, l’aeroporto prevede il trasferimento in bio-contenimento all’Istituto Nazionale Malattie Infettive L. Spallanzani di Roma.

“Nei prossimi giorni - leggiamo sulla nota del Ministero - “i passeggeri in arrivo con i voli diretti da Wuhan (e di ogni altro volo con segnalati casi sospetti di 2019 nCoV) saranno sottoposti in aeroporto al controllo della temperatura corporea. I casi eventualmente positivi potranno subire ulteriori controlli ed eventualmente verranno posti in isolamento, con attivazione della sorveglianza per gli altri passeggeri a rischio”.

Sullo stesso argomento leggi anche

> Coronavirus Cina: sintomi, rischi contagio e cause
> Coronavirus: i cibi più pericolosi
> Mercati oggi in rosso: colpa del virus cinese?
> Nuovo coronavirus: per la Cina i casi sono 40, ma potrebbero essere molti di più

Iscriviti alla newsletter

Money Stories