Auto elettriche in Italia, cosa cambia con il Governo Lega-Movimento 5 Stelle?

Il programma di Governo Lega-M5S ha pensato alla mobilità elettrica.

Auto elettriche in Italia, cosa cambia con il Governo Lega-Movimento 5 Stelle?

L’auto elettrica è il punto in cui convergono gli interessi degli automobilisti e dell’ambiente, ma l’Italia è molto indietro rispetto agli altri Paesi europei: nel contratto del nuovo Governo Lega-Movimento 5 Stelle è confluita la parte di programma sulla mobilità e i trasporti con cui Luigi Di Maio si era presentato per le elezioni del 4 marzo, con delle parziali correzioni.

Se infatti prima delle politiche il Movimento aveva lanciato l’obiettivo di un milione di di auto elettriche entro il 2020, nel programma di Governo non ci sono numeri ma solo propositi per lanciare incentivi all’acquisto di elettriche e per abbandonare via via le auto Diesel, sulla scia dell’annuncio dello stop ai veicoli Diesel a Roma dal 2024.

Una buona notizia per la mobilità elettrica e per tutti gli italiani interessati.

Auto elettriche nel programma Lega-Movimento 5 Stelle

Se per le elezioni politiche quasi nessuno schieramento aveva preso in considerazione la mobilità elettrica nel programma, il nuovo governo di coalizione sembra adeguarsi agli altri Paesi europei.

Al punto 25 del programma, dedicato a Trasporti, Infrastrutture e Telecomunicazioni, si legge che sulla mobilità sostenibile il primo passo sarà ridurre l’utilizzo dei veicoli benzina e Diesel per rispettare gli obiettivi dell’accordo di Parigi.

Per fare questo dovrà crescere il numero di auto elettriche circolanti:

  • Il nuovo Governo ha previsto un piano di incentivi con rottamazione o vendita della vecchia auto a motore termico sia per interventi di retrofit sia per acquistare auto elettriche. Partendo da una base di incentivi, sarà quindi adeguata la rete di ricarica e la filiera.
  • Inoltre verranno adottate misure di tassazione per i mezzi più inquinanti.
  • Il Piano Nazionale Infrastrutturale per la ricarica dei veicoli elettrici si occuperà dello sviluppo della mobilità a zero emissioni.

Car sharing e biciclette

Sempre al punto 25, che si occupa anche di ferrovie e compagnie aeree, si legge che il Governo concederà più spazi pubblici al car sharing quando i servizi implementeranno le auto elettriche nella flotta.

Inoltre, saranno sviluppate le aree ciclabili urbane ed extraurbane e potenziato il bike sharing con nuove ciclostazioni in vicinanze dei parcheggi, delle stazioni ferroviarie, metropolitane e degli autobus.

Questi obiettivi potrebbero essere perseguiti perché mentre si definisce la squadra di Governo, i cui Ministeri saranno suddivisi tra Lega e Movimento 5 Stelle, sembra che il Ministero dei Trasporti toccherà proprio ad un esponente del Movimento.

Iscriviti alla newsletter "Tech" per ricevere le news su Auto Elettriche

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Luca Secondino

Luca Secondino

24 minuti fa

Mobilità sostenibile: Roma è l’ultima capitale europea secondo Greenpeace

Mobilità sostenibile: Roma è l'ultima capitale europea secondo Greenpeace

Commenta

Condividi

Luca Secondino

Luca Secondino

ieri

Futuro elettrico in Italia, la prospettiva di EY

Futuro elettrico in Italia, la prospettiva di EY

Commenta

Condividi

Luca Secondino

Luca Secondino

2 giorni fa

Auto elettrica o a benzina, quale conviene di più?

Auto elettrica o a benzina, quale conviene di più?

Commenta

Condividi