Intesa Sanpaolo: pattern Dark Cloud Cover crea incertezza nel breve periodo

I prezzi di Intesa Sanpaolo hanno formato un modello di Dark Cloud Cover a ridosso di un livello resistenziale. Vediamo come impostare l’operatività con i Turbo Certificates di BNP Paribas

Intesa Sanpaolo: pattern Dark Cloud Cover crea incertezza nel breve periodo

Lo scorso venerdì, le azioni Intesa Sanpaolo hanno dato vita a una falsa rottura della resistenza a 2,355 euro, lasciata in eredità dai top del 17 aprile 2019.


Intesa Sanpaolo, grafico giornaliero. Fonte:Bloomberg

Nelle ultime ottave, i prezzi hanno beneficiato di un forte movimento ascendente, che proprio il 13 dicembre 2019 ha segnato nuovi top annuali, a 2,39 euro.

Dal punto di vista grafico però, le quotazioni hanno creato un pattern di Dark Cloud Cover con le candele degli scorsi 12 e 13 dicembre. Questo modello di inversione, che ha solitamente più validità se si viene a formare in area di massimi (relativi o assoluti), potrebbe dare modo ai venditori di arrivare fino al supporto a 2,185 euro, derivante dai top del 13 settembre 2019.

Tale area di concentrazione di domanda ha già sostenuto i prezzi in passato (lo scorso 3 dicembre) e si è rivelato un solido baluardo del fronte rialzista.

Una condizione fondamentale per l’arrivo dei corsi a tale zona è però la rottura del livello orizzontale a 2,3195 euro. A rafforzare questi segnali di incertezza è la divergenza di inversione ribassista che si è creata sull’RSI settato a 14 periodi.

Al contrario, la positività ritornerebbe nel momento in cui le quotazioni tornassero al di sopra di 2,40 euro, in modo da annullare la conformazione grafica di reversal menzionata prima.

Strategie operative su Intesa Sanpaolo

Per migliorare il rapporto di rischio/rendimento, si potrebbe attendere una ripresa dei corsi verso 2,35 euro per valutare una strategia di natura short. Lo stop loss sarebbe in tal caso identificabile a 2,415 euro, mentre l’obiettivo principale a 2,276 euro. Il target finale sarebbe invece localizzato a 2,265 euro.

Per questo tipo di operatività, il certificato Turbo Short di BNP Paribas con ISIN NL0014036287 e leva 3,1 si adatta bene.

AVVERTENZA

La presente pubblicazione è stata preparata da Money.it srl a socio unico (l’Editore), con sede legale in Via di Vigna Fabbri, 5, 00179, Roma, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore; tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.

Per informazioni su Money.it srl a socio unico, in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.