Spesometro 2017: operazioni in N2 o N6? Ultime novità Agenzia delle Entrate

Francesco Oliva

3 Ottobre 2017 - 10:17

condividi
Facebook
twitter whatsapp

File scartato operazioni N2 N6 spesometro 2017? L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato un’altra faq. Ecco le ultime novità.

Spesometro 2017: ancora novità nelle faq pubblicate dall’Agenzia delle Entrate

Questa volta tocca alle operazioni estere, con particolare riferimento a quelle effettuate nei confronti di un soggetto passivo che è debitore dell’imposta in un altro stato dell’Unione Europea.

La norma di riferimento è l’articolo 7 ter del d.p.r. 633/1972. Qui il dubbio è relativo al codice da utilizzare: N2 o N6?

Nella comunicazione delle fatture emesse, i dati delle fatture per prestazioni di servizi effettuate nei confronti di un soggetto passivo che è debitore dell’imposta in un altro Stato dell’Unione Europea (ART.7 TER) vanno comunicate con IL CODICE natura N6 O N2?

In linea generale, vale il principio che nella comunicazione dati fattura vada riportata l’imposta o la sua “natura” così come è riportata nel documento emesso.

In base al comma 6-bis dell’art. 21 del d.P.R. n. 633/72 le operazioni «non soggette» ad IVA per mancanza del requisito territoriale devono essere fatturate indicando nel documento:

a) l’annotazione «inversione contabile» per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi (con le eccezioni di quelle indicate all’articolo 10 , nn. da 1) a 4) e 9) del d.P.R. 633) effettuate nei confronti di un soggetto passivo che è debitore dell’imposta in un altro Stato dell’Unione Europea;

b) l’annotazione “operazione non soggetta” per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuati nei confronti di un soggetto stabilito fuori dall’Unione Europea.
Ai fini della trasmissione dei dati delle fatture, andranno quindi selezionate le seguenti nature:

a) Fatture con annotazione «inversione contabile»: N6,
b) Fatture con «operazione non soggetta»: N2
”.

Spesometro 2017: quinta proroga in arrivo. Dpcm alla firma

E mentre imprese e professionisti stanno ancora perdendo tempo dietro ai problemi dell’invio telematico - file scartati e piattaforma fatture e corrispettivi che non funziona come dovrebbe - il Sole 24 Ore di oggi rende noto che sarebbe alla firma l’ennesimo DPCM (decreto della presidenza del consiglio dei ministri) avente ad oggetto la quinta proroga dello spesometro.

È stato inoltre annunciato un provvedimento normativo ad hoc che vada a disciplinare le sanzioni dovute, soprattutto nel caso in cui gli errori fossero lievi e comunque dovuti al malfunzionamento del sistema di invio telematico.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories